Roma, blitz a Rebibbia: droga e telefoni in carcere, fermate sei persone



Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Roma, nei confronti di 6 persone, ritenute responsabili di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti continuata e aggravata, poiché commessa all’interno del carcere di Roma Rebibbia.

Perquisizioni sono tuttora in corso presso le abitazioni degli arrestati e le celle della casa circondariale romana in uso ai detenuti coinvolti.

Nel corso dell’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma – DDA, è stato accertato che alcuni detenuti, mediante telefoni cellulari illegalmente detenuti, ordinavano la droga, indicandone tipologia e quantitativi, alle rispettive mogli le quali introducevano la droga nel carcere di Rebibbia maschile durante i colloqui, occultandola anche nelle parti intime per eludere i controlli. Dopo aver ricevuto lo stupefacente, i detenuti lo vendevano all’interno della struttura carceraria ad altri detenuti.

Le indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma sono state avviate a novembre 2016, dopo gli arresti, di altre sei persone, eseguiti a Roma e Catania per una serie di estorsioni e rapine aggravate dal metodo mafioso, consumate nell’area Capitolina ai danni di un imprenditore operante nel settore dell’autonoleggio.

Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 11902 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.