Lavoro – Istat, Stefano Fassina: Il governo continua a raccontare favole

Stefano Fassina



«Anche oggi, puntuale, arriva il tentativo governativo di celebrare il Jobs Act con i dati Istat. La realta’ continua testardamente a contraddire la propaganda».  Lo afferma Stefano Fassina di Sinistra Italiana.
«L’aumento di 252mila unita’ nel 2016 – prosegue l’esponente della sinistra – e’ di occupati, non di “posti di lavoro”. Ed e’ occupato, secondo la definizione Eurostat, chi “nella settimana della rilevazione ha svolto almeno un’ora di lavoro retribuito”. Centinaia di migliaia di ragazzi e ragazze e ormai anche di padri e madri di famiglia che lavorano poche ore a settimana con i vouchers sono occupati, ma non hanno un posto di lavoro».
«Nel 2016, aumentano di 158mila gli occupati dipendenti permanenti: ma il Jobs Act non c’entra assolutamente nulla. Sono tutti ultracinquantenni bloccati al lavoro dalla Legge Fornero. Nella fascia di eta’ sotto ai 34 anni gli occupati diminuiscono di 68mila e aumenta la precarieta’. Nella fascia che va dai 35 ai 49 anni invece c’e’ un’emorragia di occupati e posti di lavoro (-111mila) a causa anche della cancellazione dell’art 18. Il Governo – conclude Fassina – continua a raccontare favole. Poi gli italiani votano e arrivano le sorprese».

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19278 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.