Roma, nigeriano condannato per violenza sessuale su una studentessa

condannato a 8 anni di reclusione con l'accusa è di violenza sessuale aggravata ai danni di un studentessa

tentata violenza sessuale



Ikechuwu Chneweze, è il nome del nigeriano di 30 anni condannato a 8 anni di reclusione per l’accusa di violenza sessuale aggravata ai danni di una studentessa universitaria, avvenuta a Roma il 30 marzo scorso.

A deciderlo è stato il gup, Claudio Carini, al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato.

Il nigeriano, a difesa del quale c’era l’avvocato Ettore Iacobone, secondo quanto è stato ricostruito dagli inquirenti avrebbe aggredito la vittima, intorno alle 23, in un parcheggio nella zona di via Pineta Sacchetti, a Roma in zona Boccea. Il tutto mentre la ragazza stava prendendo alcuni libri nella sua automobile.

L’uomo avrebbe prima minacciato la donna con un coltello per poi costringerla a consumare un rapporto sessuale. La vittima, dopo aver subito la violenza, è riuscita a chiedere aiuto ai carabinieri, fornendo una dettagliata descrizione del suo aggressore.

Grazie all’identikit fornito dalla giovane, l’africano, un senza fissa dimora, è stato fermato alcuni giorni dopo nel quartiere Prati da un carabiniere della compagnia Trionfale che lo aveva riconosciuto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.