Fori Imperiali – Rintracciato l’aggressore del venditore ambulante pakistano



Il 16 febbraio i Carabinieri hanno rintracciato il presunto responsabile dell’aggressione avvenuta sabato mattina in via dei Fori Imperiali, ai danni di un venditore ambulante di nazionalità pakistana, colpito alla gola con un coltello e tuttora in coma farmacologico nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale San Giovanni di Roma, in pericolo di vita.

A seguito dell’aggressione, i militari del Comando Carabinieri di Piazza Venezia, intervenuti immediatamente sul posto, hanno identificato un testimone, un ambulante anche lui originario del Pakistan, che forniva le prime indicazioni sulla dinamica e sui connotati del fuggitivo. Nel frattempo venivano accertate altre tre aggressioni simili nel modus operandi, avvenute nei giorni precedenti, ai danni di altri cittadini pakistani. L’unica vittima già dimessa dall’Ospedale, una volta accompagnata in caserma insieme al testimone, riconosceva tra le numerose foto in archivio, l’aggressore un venticinquenne, cittadino afghano, con diversi precedenti di polizia e penali, senza fissa dimora, che, proprio alla fine di gennaio era stato arrestato all’interno dell’Ambasciata del Pakistan, perché, dopo essersi visto negare il visto per accedere a quella nazione, aveva estratto un coltello minacciando i presenti.

Le immediate ricerche estese anche in altri quartieri della Capitale davano esito positivo: infatti, la mattina del 16 febbraio u.s., una pattuglia in servizio di controllo del territorio individuava in via Cristoforo Colombo un uomo a piedi corrispondente alla foto segnaletica diramata dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale di Roma. Dopo averlo fermato e perquisito, veniva trovato in possesso di un coltello. Portato al Comando Carabinieri di Piazza Venezia veniva sottoposto a fermo d’indiziato di delitto per i gravi indizi di colpevolezza in merito a quattro ipotesi di tentato omicidio e tradotto presso la Casa Circondariale “Regina Coeli”. Le indagini sono tuttora in corso per verificare se il fermato sia responsabile anche di altri reati contro la persona.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.