Fiumicino – Ebola, oltre la psicosi: a scuola discriminazioni contro una bambina



La paura del contagio dal virus Ebola, per molti sta diventando una vera e propria psicosi in cui è facile scivolare nel razzismo. Solo negli ultimi giorni si sono verificati due episodi di allarmismo ingiustificato, uno su un autobus nei confronti di una donna africana e l’altro, più grave nei confronti di una piccola bimba di 3 anni, lasciata fuori dalla scuola materna su idea delle mamme degli altri compagnetti, per paura di un presunto contagio date le sue il origini africane.

Il fatto è stato raccontato a “In Terris”: la piccola Chanel, questo il nome della bambina,  di ritorno da una vacanza in Uganda insieme alla mamma e alla sorella, si è  vista sbarrare le porte da un gruppo di madri dei suoi compagni per la paura incontrollata del virus e un allarmismo diffuso. Il padre ha spiegato che non c’era alcun motivo reale per poter solo immaginare qualche rischio, dato che la bimba stava bene e non aveva nessun sintomo particolare come febbre o raffreddore.

“L’unica spiegazione è che venivamo dall’Africa – dive il padre di Chanel –  Ma l’Uganda non è un Paese contagiato, e comunque prima di partire, esattamente il giorno prima, ho fatto fare alle mie figlie tutte le analisi necessarie a stabilire la loro totale buona salute. Non solo, ma mia figlia non ha avuto alcun sintomo particolare. Ciò che è accaduto è pura follia”. 

Dopo aver appreso la storia, riportata in breve tempo da tutti i giornali, sono arrivate le parole del sindaco di Fiumicino Esterino Montino, che ha stgmatizzato questi episodi di allarmismo infondato, ai limiti della discriminazione razziale.  Montino ha poi spiegato che, secondo le sue informazioni, la bambina sia tornata a scuola senza nessun ostacolo.

“Ho parlato con la dirigente del plesso scolastico statale di Isola Sacra, che mi ha rassicurato sul fatto che, compiute le dovute verifiche, comprese quelle relative ai protocolli internazionali aeroportuali, le porte della scuola materna di via Coni Zugna sono sempre rimaste aperte per tutti i bambini, inclusa la piccola tornata dal viaggio in Uganda.  Come rappresentante delle istituzioni sento il dovere di lanciare un appello per impedire che timori o paure ingiustificate, soprattutto su temi che riguardano la salute pubblica, sfocino in ostracismi e discriminazioni. Da ulteriori informazioni risulta, tra l’altro, che non ci siano stati blocchi o impedimenti che abbiano ostacolato il rientro della bambina a scuola”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Elisa Piras 63 Articoli
Elisa Piras è una giornalista che ha collaborato con testate come Il tirreno e Pisa Today, approdata a Il Tabloid ad Agosto 2014 attualmente occupa il ruolo di direttore e dirige la sezione Cronaca e attualità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.