Fiumicino – De Vecchis contro l’area metropolitana: “Un obbrobrio”



Il consigliere comunale William De Vecchis si scaglia contro l’Area metropolitana, definendola “un obbrobrio politico”, convinto che l’abolizione delle province non abbia portato a una semplificazione delle procedure ma nei fatti si sia solo cambiato il nome a un ente.

“Spero che questa prima fase sperimentale porti a un serio ragionamento di come l’area metropolitana non solo sia un ente inutile ma non risolva i problemi degli enti locali, ma bensì li complichi – scrive De Vechis –   Se l’area metropolitana diverrà a tutti gli effetti un nuovo ente, e non si tornerà indietro da questa scelta, invito i consiglieri eletti a impegnarsi affinché questa situazione sia transitoria e si torni a nuove elezioni dove siano i cittadini a esprimere le loro preferenze. Questo mio ragionamento riguarda anche la delibera approvata dal centrosinistra di Fiumicino che delega i bandi del nostro comune alla stazione unica appaltante. Con questo atto, che non condivido, si è sostanzialmente delegato a un altro ente alcune competenze che spettavano alla nostra amministrazione”.

“Credo si corra il rischio di depauperare i poteri del nostro comune con scelte che centralizzano le competenze all’area metropolitana o altri enti a essa correlati – conclude il consigliere –  Ovviamente ci troviamo di fronte a una scelta politica legittima, ma che non condivido e alla quale voglio contrapporre un serio ragionamento sull’importanza di essere autonomi sotto tutti gli aspetti. Auspicavo che la nostra amministrazione seguisse l’esempio dell’ANCI, l’associazione nazionale dei comuni italiana, che è ricorsa al TAR per contrastare la scelta di centralizzare alcune competenze ma così non è stato”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.