Roma – 420 lavoratori rischiano il posto



Il 30 settembre scadrà l’appalto per l’E-Care l’azienda, con sede in via di Torre Spaccata, che gestisce il call center di Acea; la commessa potrebbe non essere rinnovata e potrebbero essere messi a rischio i posti di lavoro dei 420 dipendenti del call center. Ricordiamo che il bando è stato indetto il 19 dicembre 2013 dal precedente management di Acea.

L’allarme viene lanciato dai sindacalisti Fabrizio Micarelli e Alessio Pasqualitti della Slc Cgil: “Il prossimo 30 settembre verrà assegnata la gara relativa al call center Acea da parte del Comune di Roma. Se venissero confermate le indiscrezioni sul criterio utilizzato per l’assegnazione dell’appalto, cioè l’assegnazione della gara al massimo ribasso ivi compresa la possibilità di delocalizzare dove il costo del lavoro è più basso, saranno seriamente a rischio licenziamento 400 lavoratrici e lavoratori con le loro famiglieLa commessa, attualmente affidata all’azienda E-Care, – continuano – vede impiegati da oltre dieci anni gli stessi lavoratori e lavoratrici e sarebbe un errore, a nostro avviso, disperdere quel capitale umano di alta competenza e professionalità, acquisita negli anni, con ricadute negative sulla cittadinanza per l’inevitabile perdita di qualità del servizio, e per le casse comunali per l’erogazione di nuova formazione. Pur consapevoli delle difficoltà economiche in cui versano le casse del Comune di Roma, con altrettanta consapevolezza non possiamo accettare che a pagare siano sempre i soliti, in questo caso le 400 lavoratrici e i lavoratori di E-Care e le loro famiglie. Riteniamo che il Comune di Roma non possa far finta di nulla e girarsi dall’altra parte, in un momento in cui anche a livello nazionale con il ministero delle Attività produttive si sta lavorando per creare un sistema di regole certe che diano garanzie nella successione degli appalti per il mantenimento dei livelli occupazionali e dei diritti. Invitiamo pertanto il sindaco Marino a ripensare le modalità e i criteri utilizzati per le gare di appalto ricordando che oltre alla gara Acea è ancora aperta la questione del servizio 060606 dove sono impiegati altri 250 lavoratori anch’essi a rischio licenziamento. Non vorremmo ritrovarci nel giro di poche settimane a dover aggiungere altri 700 lavoratori alle migliaia di licenziati che già oggi contiamo nella nostra città – concludono i sindacalisti – Nessuno, crediamo, voglia questo, tanto meno il sindaco Marino.

Intanto ieri la protesta dei lavorati è arrivata anche al Campidoglio nell’Aula Giulio Cesare, dove è stata presentata una mozione firmata da Gemma Azuni, consigliere di Sel, e sottoscritta da tutti i gruppi dell’Aula, è stata approvata all’unanimità (36 voti favorevoli su 36 votanti).

Nella mozione si chiede alla giunta e al sindaco di  “mettere in atto ogni utile iniziativa affinchè Roma Capitale verifichi che il bando per servizio di contact center (centralino e gestione in overflow) con cui l’azienda intende esternalizzare i servizi di Acea Energia spa, mercato, tutelato-libero, centralino acea e outband, assicuri l’erogazione di servizi con adeguati livelli qualitativi per una stazione appaltante a maggioranza pubblica come Acea. Ed avviare ogni utile iniziativa affinchè si valuti la possibilità di sospendere l’attuale bando di gara, in scadenza il 30 settembre, fermo restando l’utilizzo di procedure a evidenza pubblica in conformità alla normativa di settore per rivedere gli attuali criteri di aggiudicazione, basati unicamente sul prezzo più basso, per non compromettere la qualità finale del servizio offerto ed evitare un problema occupazionale sul territorio di Roma, considerando che per i circa 400 lavoratori della società E-care spa della sede di Torre Spaccata, che hanno gestito il servizio negli ultimi 8 anni, non sarebbe garantita in quanto non inserita nel bando alcuna clausola sociale che ne consenta la ricollocazione nella società subentrante“.

Gemma Azuni dichiara in oltre che: “Non si possono buttare così otto anni di esperienza, si tratta di operatori qualificati rispetto alle materie trattate e ai problemi degli utenti acea, come per esempio la questione delle bollette pazze. Faccio appello al sindaco e all’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Masini, affinchè intervengano per il ritiro immediato del bando, prevedendone uno nuovo, sempre europeo, ma con una clausola sociale e che non preveda la delocalizzazione del servizio in un altro paese dell’Ue“.

Enzo Triolo, rsu Cisal Comunicazione,  spiega che “È stata presentata dal consigliere Gemma Azuni in cui si segnalano alcuni punti critici del nuovo bando. Quello che chiediamo è che venga sospeso il bando e vengano rivisti i criteri sulla base della qualità del servizio fornito e non solo dei costi”.

I lavoratori dal canto loro si stanno mobilitando, hanno pubblicato una serie di fotografie con la scritta “Lavoratore n°___ messo al bando. Marino io ci metto la faccia e tu?”, ed hanno  già scritto una lettera al sindaco Marino nella quale i lavoratori chiedono un incontro con il sindaco stesso. Nella lettera si legge “Al sindaco Ignazio Marinopolitico attento al sociale ma anche azionista di maggioranza di Acea, è a conoscenza del fatto che la recente gara non prevede alcuna tutela o garanzia per i lavoratori che hanno gestito il servizio sino ad oggi? È a conoscenza del fatto che non è prevista alcuna “clausola sociale” che preveda il reinserimento delle risorse attualmente impiegate? Che non è prevista nemmeno una ‘clausola territoriale’ che impegni l’eventuale aggiudicatario a mantenere nel Comune di Roma la sede destinata a gestire i servizi in questione, con il serio rischio che si possa decidere di delocalizzare al di fuori del comune, della regione, o addirittura all’estero? Del fatto che questa gara si basa sull’insensata logica del massimo ribasso?

Giovedì pomeriggio i lavoratori scenderanno in piazza Santi Apostoli per un sit-in di protesta.

Samantha Lombardi

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 6050 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.