Acilia – La crisi economica miete un’altra vittima



Nel pomeriggio di ieri si è consumato l’ennesimo dramma della crisi economica, a rimetterci la vita, questa volta, è stato un meccanico italiano di 38 anni.

Il corpo dell’uomo, riverso all’interno di un’autovettura, è stato rinvenuto dalla sorella,  intorno alle 18.30,  nella sua officina di via Giovanni Armandi, tra San Francesco e Dragoncello, nei pressi di Acilia. Nessun dubbio sulla causa della morte: suicidio.

I carabinieri sono stati avvisati immediatamente dalla donna, ma al loro arrivo hanno potuto solo constatare la morte dell’uomo.  “Mio fratello era caduto in depressione a causa degli affari in ribasso sul lavoro e non ha retto“, questo è quanto ha dichiarato la sorella della vittima, che ultimamente lo vedeva molto preoccupato a causa della flessione  degli affari.

Secondo le ricostruzioni dei carabinieri intervenuti sul posto, il 38enne  avrebbe preparato nei minimi dettagli il suo suicidio, infatti, ha collegato un tubo alla marmitta di scarico del suo motorino, ha poi portato il tubo dentro la sua macchina, sigillando tutti i finestrini. I gas di scarico prodotti dal suo scooter hanno così saturato l’abitacolo della macchina trasformandolo, nel giro di poco tempo, in una vera e propria camera a gas.

La magistratura ha comunque predisposto l’autopsia presso il policlinico di Tor Vergata.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.