MotoGp Assen: la pagella del Dicos



MARC MARQUEZ 10: Per MM93 che ci sia il sole o la pioggia, nulla cambia. Per lui conta solo arrivare al traguardo prima degli avversari. Anche quando il distacco dal primo è oltre i quattro secondi, un errore e la logica campionato impongono l’accontentarsi della piazza d’onore, Marc è il solito guerriero indomabile.  Mi fa venire in mente un eroe della mitologia, il “pie veloce” Achille. Il guaio è che ancora non si è trovato chi tra i piloti sarà il Paride che scaglierà il dardo della sconfitta. Le meraviglie, così, diventano otto. Sontuoso!

 

ANDREAS DOFIZIOSEN 9,5: Lo svizzero (accontento chi nel raccontare quanto succede in pista, dimentica che in realtà parliamo di uno di noi, un italiano vero!) in gara cala il suo poker composto da cuore, anima, mente e polso. Purtroppo per lui, Marquez ha calato una scala reale su base otto. Il banco della vittoria non è saltato, nemmeno certi cronisti; a saltare con lui sul podio sono stati gli appassionati di motociclismo, che hanno applaudito un uomo che è andato oltre le possibilità offerte dal mezzo meccanico. Fratello d’Italia!

 

DANI PEDROSA 8: L’ultimo gradino del podio è suo e ha la meglio sul Aleix Espargaro che per molte tornate gli ha insidiato la posizione. I podi agguantati in carriera diventano novanta e ritorna, seppur in coabitazione, secondo in classifica generale. Resta però il distacco importante preso dal vincitore e soprattutto la batosta presa dal Dovi; un conto è la Honda ufficiale (uguale o quasi uguale da quella di MM93 lo sanno in pochi), un altro la Desmosedici……Il solito!

 

ALEIX ESPARGARO 8,5: E’ lui il pilota a regalare ad una Open la prima pole position. Una volta spento il semaforo, lo spagnolo non si tira indietro ed anzi tira come un dannato. Si scontra con i limiti più della sua Forward Yamaha che del manico. Bello il duello con il 26 della Honda. Bravo!

 

VALENTINO ROSSI 6: Il fine settimana olandese inizia con la querelle sulla marmitta. In qualifica stecca, così come al via nella scelta delle gomme. La nomea di mago della pioggia e venti anni di esperienza non gli sono bastate. Parte dalla pit lane ed è autore di una rimonta che verrà ricordata più per gli elogi di Filicic e Capirossi che per il gesto in sé per sé. Quando si chiude a oltre venticinque secondi dal primo, quinto sul tracciato che l’anno prima ti aveva visto trionfare, si è autori di una prova dai colori opachi. Di chi sono le colpe, sue? No, della sfortuna e della nuvola. Certo, quella di Fantozzi…..Nella stagione delle scorie ducatiste e della centralina da resettare dopo sette gare giunse al successo. In quella della magnifica cavalcata, del ritorno ai fulgidi fasti, dopo otto prove di un vero primo posto neanche la traccia. Delusione!

 

JORGE LORENZO 4: E’ in pieno stato confusionale. Ha, però, gli attributi di dire che è colpa sua. Il pilota è in crisi, l’uomo no!

 

HONDA: Monumento tecnologico-spaziale….

 

YAMAHA: Monumento di moto umana…..

 

DUCATI: Monumento al Dovi….

 

INDOVINA CHI: In soli tre mesi è riuscito a fare meglio di chi ha impiegato undici anni. Di chi parlo? Un indizio: per lui di pilota italiano ne esiste uno solo…..

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20511 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.