Ostia – Interational Air Show 2014 tra polemiche e spettacolo



L’International Air Show 2014 sul lungomare di Ostia è uno degli spettacoli di riferimento, a livello internazionale,  per tutti gli appassionati di esibizioni aeree, quest’anno si è tenuto nel week end di San Pietro e Paolo; come tutti gli anni l’evento ha attirato migliaia di persone, le stime oscillano dalle 600.000 al 1.000.000 di presenze.

Persone di tutte le età stavano con il naso all’insù a guardare estasiati le manovre abilissime dei piloti che, con disinvoltura, facevano muovere i propri aerei come fossero dei semplici aeroplanini di carta.  Mamme armate di macchine fotografiche, papà con in braccio i bambini, anziani seduti sulle sedie pieghevoli lungo le strade e il lungomare, e molti appassionati che con, reflex, smartphone e telecamere, hanno cercato di immortalare le spettacolari evoluzioni dei veivoli. Ma non solo, anche i residenti del litorale erano affacciati alle finestre o seduti in balcone ad ammirare lo spettacolo, magari in compagnia di amici.
Alla manifestazione hanno preso parte sia le pattuglie acrobatiche, quali la Patrouille de France, lePatrulla Aguila e ASPA dalla Spagna e le amatissime Frecce Tricolori; sia veivoli in dotazione alleforze armate, non solo italiane, che hanno attuato semplici dimostrazioni di volo, infatti erano presenti anche 2 F18 Hornet Swiss Air Force, 1 MiG 29 Polish Air Force, 1 F 16  Belgian Air Force, 1 F16 Netherlans Air Force, dei Velivoli di supporto, C130, ATR 42Per quanto riguarda il Reparto Sperimentale di Volo (RSV) erano presenti 1 AMX, 1 Tornado, 1 EF2000.

Airbus-A319-AlitaliaAnche l’Alitalia che ha effettuato un sorvolo con un Airbus A319, scortato da due Frecce Tricolore. Per l’occasione l’aeromobile sfoggiava una livrea speciale appositamente realizzata, Discover Friuli Venezia Giulia,  con il disegno di uno stormo di colibrì, in onore al centro di ricerca di Trieste voluto e fondato dall’astrofisica e animalista Margherita Hack.

La manifestazione ha imposto anche delle limitazioni per questioni di sicurezza, infatti c’è stato il divieto di balneazione nel tratto di mare compreso tra la Rotonda e il Pontile, a vigilare sul rispetto di questa normativa di sicurezza c’era la Guardia Costiera, con le sue 50 unità che ha pattugliato lo specchio di mare antistante la zona di sorvolo. Sulla terraferma sono stati messi in campo agenti della Polizia del commissariato di Ostia, 130 Vigili Urbani, diverse unità della Protezione Civile e  del 118.

Grosse ripercussioni si sono avute anche sul traffico e sui parcheggi. In molti, infatti sono rimasti bloccati nel caos di traffico che ha coinvolto sia il lungomare (recentemente pedonalizzato, potete leggere l’articolo QUI) che tutte le strade limitrofe che collegano il lungomare con il centro città. Sono state coinvolte nei piani di viabilità la via del Mare, l’Ostiense e via Cristoforo Colombo, quest’ultima ha visto chiusa la corsia centrale in direzione Roma dalle 8 fino alle 17  e dalle 17, in senso opposto, come corsia riservata al passaggio dei mezzi di soccorso.

Per quanto riguarda i parcheggi, hanno registrato il tutto esaurito già dalle prime ore della mattina.

Di certo la cittadina turistica ha avuto incassi da capogiro, infatti il lungomare e le zone limitrofe sono state prese letteralmente d’assalto, ma nonostante ciò, ci sono state diverse polemiche:

Lorenzo Moreschi, Coordinatore del circolo SEL Litorale Romano,  ha definito così l’evento: “Assurdo ed inaccettabileIl rumore assordante dei velivoli, di intensità ben oltre la soglia del tollerabile, ha recato disagi ad un’intera cittadinanza. Anche sotto il profilo turistico non è un successo il fatto che, a causa dell’Air Show, è stato posto il divieto di balneazione fino a domenica per un chilometro, dal Pontile alla Rotonda. Insomma, così si ledono i diritti di migliaia di cittadini. Simili manifestazioni dovrebbero, se proprio a qualcuno piacciono, essere organizzate fuori dalla città, in luoghi sicuri e nel rispetto dei cittadini che la abitano“.

Malcontento anche per l’associazione La CiurmaCon un pieno di uno di quelli in cielo ci rifaremmo tutte le scuole per i nostri bambini. E’ triste che si celebri proprio nella nostra cittadina questo show. C’è chi lo etichetta come un “evento importante per Ostia” nonostante le lamentele anche su Twitter con hashstag come #airshow #tropporumore #inquinamento.

Disagio o no, Ostia e tutto il territorio hanno risposto positivamente perché il mare di Roma è stato preso letteralmente d’assalto.

 Samantha Lombardi

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 6159 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.