Fiumicino – Trovato un uomo in fin di vita su una spiaggia



È giallo a Fiumicino, dove ieri verso le 15.30, nei pressi dello stabilimento Reef Village, sito sul Lungomare della Salute, è stato rinvenuto in fin di vita un uomo di 33 anni.

Il corpo esamine dell’uomo, in costume da bagno, è stato notato, riverso in acqua vicino agli scogli, da alcuni bagnanti ed immediatamente tratto a riva; nonostante gli operatori del 118 abbiano praticato tutte le manovre per rianimarlo, per lo sfortunato bagnante non c’è stato nulla da fare.

Donato Loiodice, residente a Fiumicino e che si trovava in spiaggia con la moglie e i due figli, è stato elitrasportato all’Ospedale Grassi di Ostia, dove però è arrivato morto. il corpo dell’uomo è a disposizione delle autorità giudiziarie e sarà il magistrato incaricato ad ordinare l’autopsia, per comprendere le effettive cause della morte. 

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, la Polizia e la Capitaneria di Porto, che sta effettuando tutti gli accertamenti necessari per far luce sulla vicenda, infatti la dinamica dell’incidente rimane ancora da chiarire. Tre sono le ipotesi che la Guardia Costiera fa: l’uomo potrebbe essere scivolato camminando sugli scogli, dove sarebbe stato visto poco prima, battendo la testa e finendo in acqua, oppure potrebbe essere stato colto da un malore mentre si trovava in mare o, ultima ipotesi, potrebbe essere caduto sbattendo la testa dopo un tuffo. Ma l’ipotesi che sembra più plausibile è quella del malore.

La moglie racconta che Donato era andato sugli scogli a pesca di cozze, in un attimo lo vede agonizzante in acqua, subito le sue urla attirano l’attenzione dei bagnati, tra di loro due infermieri specializzati, si alternano per oltre mezz’ora nel disperato tentativo di rianimare il corpo inerte di Donato.

Emanuele, uno dei soccorritori, ricorda così quegli attimi tremendi:  Fiumicino – Trovato un uomo in fin di vita su una spiaggiaInsieme l’abbiamo recuperato dall’acqua, l’abbiamo trascinato fino alla spiaggia e lì abbiamo provato in ogni modo a rianimarlo, siamo infermieri, Ho sentito le urla della moglie, mi sono voltato, e ho notato un uomo da solo che cercava di tirare fuori il corpo dall’acqua, allora sono corso a dare una mano. Trascinare un corpo inerte da 80 chili non è semplice. Ho usato il defibrillatore, ho fatto il massaggio cardiaco per 35 minuti, ho utilizzato anche ilpallone ambu messo a disposizione dal chiosco perché usciva sangue dal cavo orale. Ci siamo alternati io e mio fratello, siamo entrambi infermieri specializzati.  Credo che l’uomo  fosse già morto quando siamo arrivati alla spiaggia. Era cianotico, con le pupille dilatate, il polso assente. Credo abbia avuto una congestione, prima di andare a cercare le cozze aveva mangiato. E, infatti, in ospedale è stata accertato l’arresto cardio-polmonare”.

 Ovviamente tutte le testimonianze sono state accolte dalla Capitaneria di Porto, che ha il compito di ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Samantha Lombardi

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.