Roma – L’Arma compie 200 anni, inaugurato monumento celebrativo



Nella mattinata di ieri, in Roma, presso i “Giardini di Sant’Andrea al Quirinale”, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, del Ministro della Difesa Sen. Roberta Pinotti, del Ministro dell’Interno Angelino Alfano, del Ministro per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, dei Sindaci di Roma e Torino, Ignazio Marino e Piero Fassino del Consigliere del Presidente della Repubblica per gli Affari Militari e del Consiglio Supremo di Difesa Generale Rolando Mosca Moschini, dell’Ordinario Militare in Italia Mons. Santo Marcianò e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Leonardo Gallitelli si è svolta la cerimonia di inaugurazione del Monumento celebrativo del “Bicentenario di Fondazione dell’Arma dei Carabinieri”.

In analogia a quanto avvenuto per il “Monumento al Carabiniere” inaugurato il 22 ottobre 1933 a Torino presso i giardini del “Palazzo Reale”, l’attuale opera, realizzata dalla società “Domus Dei srl”, è stata interamente finanziata con gentili donazioni di privati e delle Amministrazioni Comunali, nella circostanza rappresentate dal Presidente dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) Piero Fassino, Sindaco di Torino, città dove, il 13 luglio 1814, l’Arma è nata. Un’attestazione corale rivolta all’Arma, segno dell’affetto che ogni comunità nutre verso i suoi Carabinieri.

Il monumento in bronzo riproduce la famosa scultura del Maestro fiorentino Antonio Berti “Pattuglia di Carabinieri nella tormenta”, realizzata nel 1973 da un’idea dell’allora Capo di Stato Maggiore dell’Arma dei Carabinieri Generale C.A. Arnaldo Ferrara. L’immagine dei due Carabinieri a cavallo in servizio appiedato, avvolti nelle mantelle d’ordinanza e con il corpo proteso in avanti per vincere la resistenza delle intemperie, simboleggia appieno lo sforzo che, da 200 anni, il Carabiniere compie per far vincere la legge, la giustizia, portare certezza, portare serenità, nel quotidiano svolgimento del servizio d’Istituto.

Il basamento, a forma di 200, riporta in bassorilievo le date “1814 – 2014”, il motto “Nei Secoli Fedele”,creato nel 1914 in occasione del primo Centenario dell’Arma dei Carabinieri dal Capitano Cenisio Fusi per la medaglia commemorativa dell’evento, e la prescrizione … “Si farà, ogni giorno, da due Carabinieri d’ogni Brigata a Cavallo, una girata sulle strade Reali, quelle di traversa, sulle strade vicinali, nei Comuni, casali, cassine ed altri luoghi del Distretto di ciascuna Brigata” tratta dal Regolamento Istitutivo del Corpo dei Carabinieri Reali. Un compito di primaria importanza, quello del costante pattugliamento di tutto il territorio e della vicinanza al cittadini, divenuto un caposaldo del servizio dell’Arma, perfettamente estrinsecato dalla Stazione Carabinieri grazie alla sua capacità di corrispondere alle richieste di sicurezza della comunità sia nell’esercizio degli ordinari compiti di polizia sia nella non meno importante funzione di rassicurazione sociale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.