Come ottimizzare i consumi di una stampante inkjet

ottimizzare cartucce-ok

Come ottimizzare i consumi di un stampante a getto d’inchiostro massimizzando il suo utilizzo e risparmiando nella sostituzione delle cartucce.
I costi delle cartucce di una stampante a getto d’inchiostro sono molto alti; con le originali, la spesa totale può persino superare l’esborso affrontato per l’intera stampante. Ciò significa che occorre maturare un approccio accorto, al fine di abbattere gli sprechi e allungare il ciclo di vita dei serbatoi.
Ecco come.

Non sostituire la cartuccia troppo presto

Secondo un’indagine dell’associazione Altroconsumo, nel 25% dei casi le stampanti segnalano l’esaurimento dell’inchiostro nonostante una carica residua ancora presente. Si consiglia di non provvedere alla sostituzione della cartuccia finché la stampa non risulti effettivamente impossibile da eseguire.

Spendere meno con le compatibili e le rigenerate

Cartucce compatibili e rigenerate sono due alternative low cost alle originali. Queste ultime hanno un costo di mercato decisamente più alto e, sebbene le prestazioni siano preferibili, lo scarto con le soluzioni a basso costo non è rilevante e, in alcuni casi, è pressoché impossibile distinguerle. L’unico inconveniente delle cartucce compatibili Canon, Brother, Samsung, ecc. sta nella possibilità che la stampante non le riconosca, rendendo di fatto obbligatoria una nuova sostituzione del serbatoio; eventualità che non sussiste con le rigenerate.

Scegliere il giusto font

La scelta del font, nel caso di stampe di documenti, consente di abbattere fino a un quinto i consumi. La società Spranq, ad esempio, ha sviluppato un font denominato Ecofont, la cui peculiarità è quella di presentare caratteri forellati, in modo da ridurre sensibilmente l’impiego di inchiostro. I fori sono molto piccoli e impercettibili per l’occhio umano. Tra i font presenti di default si consiglia, invece, il Garamond. In alternativa, si consiglia il Times New Roman, più leggibile e confortevole per la lettura.

Gestire le impostazioni

Alcune stampanti permettono di ridurre la risoluzione grafica delle stampe. Solitamente, per modificare le impostazioni occorre cliccare su impostazioni avanzate e inserire i settaggi desiderati. 300 dpi sono più che sufficienti per pressoché qualunque tipo di stampa su carta tradizionale, risoluzioni superiori sono opportune solo per foto o immagini.

Altra soluzione integrata consiste nell’impostare la funzione “bozza veloce”. Il percorso da seguire per verificare le impostazioni è File>>Stampa>>Proprietà di stampa. Inserendo le impostazioni direttamente su Preferenze di stampa, la modifica verrà applicata anche durante i successivi utilizzi.

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10585 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.