“Walkabout” a Testaccio con Carlo Infante, martedì 18 luglio alle 19

Una passeggiata di Urban Experience ma anche l’occasione per presentare il ‘Micro Distretto Testaccio@Work Giovani in StartUp’, un progetto che forma i giovani, accompagnandoli nel mercato del lavoro attraverso la creazione di una loro attività. «Un incubatore sociale diffuso» che fa rete con il territorio per lo sviluppo e la crescita locale, generando «un modello virtuoso di economia giovanile»

Il Rione Testaccio, la sua tradizione gastronomica, la sua memoria storica operaia, letteraria e cinematografica. È questo il fil rouge del percorso di “turismo esperenziale” scelto da Carlo Infante, presidente dell’associazione Urban Experience, e dal Laboratorio delle Idee del Micro Distretto TestaccioatWork per il Walkabout del prossimo Martedì 18 Luglio nello storico quartiere capitolino. Un’iniziativa che si inserisce nell’ambito dei progetti di Turismo Esperienziale del Micro Distretto Testaccio@Work Giovani in StartUp.




Un’esplorazione partecipata con sistemi whisper-radio, aperta a tutti i cittadini, su tracce di memoria dell’industria che hanno riportato in luce le culture del lavoro operaio e la tradizione gastronomica di uno dei territori romani più caratterizzati. Un’occasione per presentare il ‘Micro Distretto Testaccio@Work Giovani in StartUp’, le attività realizzate finora e i progetti in fase di sviluppo per i prossimi mesi all’interno di un progetto che forma i giovani, accompagnandoli nel mercato del lavoro attraverso la creazione di una loro attività. «Un incubatore sociale diffuso» che fa rete con il territorio per lo sviluppo e la crescita locale, cercando di genere «un modello virtuoso di economia giovanile.»

La partenza sarà alle ore 19:00 dal Laboratorio delle Idee in Via Ginori 67 da dove ci si muoverà, conversando sul “genius loci” del rione romano che con l’Emporium segnò l’approdo delle derrate per l’Antica Roma. Il cibo è nel destino di Testaccio, oggi centro della movida e del food experience romano: per questo si esploreranno cantine scavate nel Monte dei Cocci e si disquisirà del “Quinto Quarto”, ascoltando  tracce audio di memoria storica di anziani che lavoravano al Mattatoio ed echi del film tratto dal libro ‘La Storia’ di Elsa Morante, all’altezza della casa nel Rione dove Ida e Useppe approdarono, sfollati, dopo il bombardamento di San Lorenzo nel 1943.

Un cammino leggero, dinamico, performante ed empatico nonostante le drammaticità della storia.

Al termine del percorso è prevista una cena nel cortile del Ciofs-FP Lazio (Centro Italiano Opere Femminili Salesiane-Formazione Professionale promotore del progetto in via Bodoni 66) con menù a cura dello chef Rentao Bernardi realizzato dai ragazzi del Laboratorio Gastronomico di Pasta Fresca del Micro Distretto Testaccio@Work Giovani in StartUp, in linea con la tradizione gastronomica di questo Rione: fettuccine cacio e pepe fatte a mano dal Laboratorio e rigatori con code alla vaccinara, gentilmente fornite dalla macelleria Testaccio Carni, e un aperitivo a sorpresa.