Domenica 23 aprile, tante le attività teatrali e musicali al Teatro Villa Pamphilj

PINO STRABIOLI RACCONTA SERGIO TOFANO

(e “I cavoli a merenda”)

di e con Pino Strabioli

e con

Andrea Calabretta: burattini, oggetti, ombre

Dario Benedetti: chitarra 

SALA TEATRO  – ore 11 – Ingresso 3 euro

Chi non ha stampato nella memoria il Signor Bonaventura? Il milione? Il bassotto?

Pino Strabioli, accompagnato dai burattini, le ombre e gli oggetti di scena di Andrea Calabretta e da Dario Benedetti alla chitarra sarà in scena al Teatro Villa Pamphilj domenica 23 aprile alle ore 11, con un omaggio, un piccolo tributo, un pensiero dedicato al grande Sergio Tofano, figura centrale nella storia del nostro spettacolo.

Sergio Tofano (Sto) è stato uno dei più grandi attori del Teatro italiano, capocomico, regista, scenografo e costumista, maestro di generazioni d’attori, commediografo, umorista e scrittore per bambini, raffinato illustratore e disegnatore di moda e di pubblicità, creatore del signor Bonaventura, il personaggio seguito ed amato per più di 50 anni sulle pagine del Corriere dei Piccoli da almeno 4 generazioni di italiani grandi e piccini.

I Cavoli a merenda, partitura per attore, burattini e musica è una narrazione ironica e scanzonata, grottesca e divertita, tratta dalle opere dell’indimenticabile Sto.

Piccole storie di vita più o meno quotidiana che sfociano nell’assurdo e che, con ironia e levità, denunciano l’aspetto surreale e folle della realtà.

SCUOLA POPOLARE DI MUSICA DI DONNA OLIMPIA

presenta 

IMPROVVISAZIONI DIURNE

Conferenza/concerto di Patrizio Fariselli

SALA TEATRO – ore 18 – Ingresso 10 euro – E’ consigliata la prenotazione

Domenica 23 aprile, alle ore 18, al Teatro Villa Pamphilj di Roma arriva un ospite straordinario per un evento molto speciale: la conferenza/concerto sul tema dell’improvvisazione musicale di Patrizio Fariselli, storico pianista e tastierista degli Area accanto a Stratos, Capiozzo, Tofani e Tavolazzi,

Fariselli è un musicista il cui percorso è frutto della frequentazione di numerosi linguaggi musicali e delle più variegate esperienze artistiche, dal prog-rock al jazz, attraverso l’improvvisazione radicale e la musica contemporanea di matrice cageana per giungere fino alla composizione di colonne sonore e di musiche per l’infanzia. Un appuntamento da non perdere.

LA MUSICA COME ESPERIENZA DI CREAZIONE E CONDIVISIONE. Di Patrizio Fariselli

Se potessimo abbracciare con un improbabile colpo d’occhio tutta la storia della musica occidentale noteremmo immediatamente che l’improvvisazione ne ha dominato la pratica per gran parte del suo corso, dai primordi sino alla codifica gregoriana della musica sacra.

In seguito, salvo sporadici casi, nella musica colta si è progressivamente perso il piacere dell’estemporaneità e della variazione in favore di composizioni compiute e ben ponderate.

Il jazz e parte della musica contemporanea, ma anche la grande diffusione di musica orientale e africana, già nel secolo scorso, hanno fornito ai musicisti gli strumenti per superare la dicotomia compositore-esecutore restituendo la figura di un musicista più consapevole delle dinamiche profonde della creazione musicale.

L’educazione musicale tradizionale, finalizzata a preparare professionisti (esecutori o compositori a scelta) non favorisce la pratica e la comprensione dell’estemporaneità che tuttora rimane per molti, nei suoi tratti fondamentali, un fenomeno misterioso. È necessario consapevolizzare che non c’è composizione senza improvvisazione. Gli ostacoli che si interpongono alla capacità di autodeterminazione necessaria per affrontare correttamente l’improvvisazione (oltre che la composizione, poiché sono solo modi diversi di gestire la creatività) sono quasi sempre di natura psicologica o frutto di rigidità preconcette. Altrettanto vale per gli ascoltatori che, non avendo una partitura preesistente cui fare riferimento, per valutare correttamente una performance, devono inoltrarsi con i musicisti in territori che possono cambiare forma e senso in ogni istante. Gli ascoltatori non solo devono attivare gli stessi circuiti neurali degli improvvisatori, ma disporsi empaticamente a “entrare in risonanza” con un divenire sonoro che si genera quasi nello stesso istante in cui si ascolta. Le mie conversazioni, attraverso un percorso di ascolti e di esempi pratici, sono volte a individuare e riconoscere gli intimi processi che sottendono la pratica e l’ascolto della musica improvvisata intesa come matrice prima dell’esperienza musicale. La discussione e l’analisi introspettiva sono gli strumenti attraverso cui è possibile inquadrare la fenomenologia dell’improvvisazione in un contesto coerente per avvicinarsi a quella soglia oltre la quale il flusso dell’azione prevale sul controllo razionale.

La fisica del suono, l’orecchio e l’origine della musica. La dimensione sociale della musica. Improvvisazione e composizione. Musica e stati di coscienza non ordinaria. Ciclicità e trance.

Questi sono alcuni degli argomenti trattati nelle mie conferenze-concerto. La musica al di là degli artifizi che l’hanno generata. 

In occasione della

GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO 

A cura dell’Associazione “IL FLAUTO MAGICO”

“MI LEGGI UN BIBOLETTO?”

Piano terra VILLINO CORSINI – ore 11,30 – Ingresso 5 euro (adulto + bambino) 

Un libro per giocare, un libro per muoversi, un libro per cantare, un libro per parlare…

Laboratorio per piccolissimi: come si possono inventare tanti giochi per stare insieme, a partire da un libro

età: 0 – 5 anni – dedicato a genitori e figli insieme 

“LO FACCIO IO” a cura di ANNA ALFONSI

Laboratorio manuale creativo per bambini (5-8 anni)

Piano terra VILLINO CORSINI – ore 15 – Ingresso gratuito 

Imparare a realizzare, con un po’ di fantasia, tanti lavoretti per ogni occasione. Idee creative, tratte dal libro “Lo faccio io” di Anna Alfonsi che insegnerà ai bambini come costruire animali fantastici fatti di mollette da bucato, calzini colorati e cilindri di cartone, maschere di Carnevale, strumenti musicali e libri animati, casette di cartone,  cornici profumate… 

Teatro Villa Pamphilj

Villa Doria Pamphilj Via di San Pancrazio 10 – P.zza S. Pancrazio 9/a​,  00152 ROMA 

Orario segreteria: dal martedì alla domenica  dalle 10,00 alle 18,00

Info e prenotazioni: tel. 06 5814176  dal martedì alla domenica​ – promozione@teatrovillapamphilj.it

loading...