Sbk: test produttivo per Lowes e van der Mark

Il team Pata Yamaha Official WorldSBK, composto da Alex Lowes e Michael van der Mark, è stato impegnato in un test di due giorni sulla pista di Jerez, dove hanno provato molte parti della nuova YZF-R1.
Lavorando sulle nuove moto, il team è impegnato nella conoscenza delle parti nuove e anche nel creare uno spirito di gruppo in vista dell’imminente stagione. Dopo essersi concentrati sugli aggiornamenti e sui cambiamenti iniziali, Lowes e van der Mark hanno lavorato alla ricerca di un buon feeling.
Lowes ha lavorato sugli sviluppi dell’elettronica il primo giorno e successivamente è passato al telaio e al set-up, tenendo sempre presente l’entrata in curva e la forcella anteriore e facendo infine una simulazione di gara completa.
“Il team ha lavorato davvero bene; la moto è un po’ diversa dallo scorso novembre, quindi mi sento meglio”, ha spiegato Lowes. “Un paio di modifiche principali sono nella posizione di guida e alcuni cambiamenti, che non si possono vedere, come quelli inerenti all’elettronica, mi danno sensazioni migliori. Nei primi giri mi sono sentito davvero bene e quando esci dalla pit lane e ti senti bene è chiaramente un grande vantaggio. Vorrei avere più fiducia in accelerazione in uscita di curva – sento che in quell’area posso ancora migliorare, quindi lavoreremo su questo”.
Il nuovo pilota del team van der Mark ha passato i due giorni a lavorare sul telaio e a conoscere la sua YZR-R1; il secondo giorno ha completato 145 giri.
“Non sapevo cosa aspettarmi, avevo visto la moto in pista e sapevo che si poteva gestire molto bene”, ha esclamato l’olandese. “Facendo paragoni con altre moto la maneggevolezza è un grande miglioramento per me e la moto è molto stabile, ho solo bisogno di cambiare il mio stile. Alla R1 non piace essere spinta al limite; dovrò essere più dolce, ed è una di quelle cose in cui devo cambiare”.
Fonte: worldsbk.com

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9652 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.