6 dicembre 2016

Frosinone, al Parco del Matusa anche il fitness comunale

 

Procedono, in questi giorni, le attività di definizione della progettazione e della riqualificazione dell’area del Matusa, che sarà trasformato in un grande parco urbano, dopo il trasferimento dello stadio nel nuovo impianto al Casaleno. Seguendo, infatti, le indicazioni fornite dal sindaco Nicola Ottaviani, l’Accademia di belle arti ha predisposto una serie di soluzioni tecniche ed ambientali, per ridefinire il contesto del nuovo parco urbano, che si estenderà per circa un ettaro, finendo per coincidere con l’attuale rettangolo di gioco che ha ospitato per tanti anni le migliori stagioni sportive della squadra canarina. La novità degli ultimi giorni è costituita dall’accordo preliminare tra il Comune di Frosinone e il Coni per l’acquisto della palestra dell’ente olimpico, situata a ridosso di piazza Caduti di via Fani, tra viale Mazzini e l’incrocio con le Fontanelle. A seguito di una ridefinizione dei rapporti con il Coni, infatti, in relazione alla pregressa gestione del palazzetto dello sport, è stata prospettata la possibilità dell’acquisto della struttura direttamente dal Municipio del capoluogo, con il pagamento di un corrispettivo di circa 400.000 euro. L’esercizio e l’opzione da parte dell’ente di piazza VI dicembre potrebbero arricchire e completare il riassetto del parco del Matusa, attraverso la trasformazione della struttura del Coni in un centro fitness comunale, con pareti a vetro, realizzate a raso rispetto alla nuova superficie verde. L’amministrazione, in un secondo momento, provvederebbe all’affidamento in gestione a terzi del nuovo impianto, con formule di accesso calmierato, in favore degli sportivi e delle famiglie che, in tal modo, potrebbero trascorrere lunghe ore in un contesto ambientale e di socializzazione completamente rigenerato.

Alla riunione operativa per la definizione del percorso dell’acquisto, giovedì scorso, alla presenza dell’assessore allo sport Gianpiero Fabrizi, hanno preso parte l’ing. Francesco Romussi, direttore della gestione patrimonio ed impianti, l’ing. Emiliano Curti e la dott.ssa Raffaella Binaghi, in rappresentanza del Coni, unitamente al dott. Manchi e al dott. Ranalli per gli uffici tecnici dell’amministrazione comunale.

About Samantha Lombardi 4017 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it