6 dicembre 2016

Fattori di rischio e screening per una diagnosi precoce del cancro alla mammella

Il cancro al seno è la patologia oncologica più diffusa tra le donne e colpisce ogni anno una donna su 9. Gravi sono le conseguenze se individuata tardi, e oggi è la prima causa di decesso per tumore fra le donne.

Il tumore al seno origina da cellule prodotte in modo incontrollato dalle ghiandole mammarie. Queste cellule sviluppandosi possono diffondersi nelle zone limitrofe. Il carcinoma invasivo presenta diffusione e infiltrazione delle cellule tumorali nei tessuti circostanti (metastasi); il carcinoma in situ presenta cellule tumorali solo all’interno dei lobuli e dei dotti mammari.

I tipi di cancro alla mammella più frequenti interessano le cellule dei lobuli (connesse alle ghiandole mammarie), o dei dotti lattiferi (tipologia più diffusa che coinvolge il 70% dei casi di cancro)2.

Fattori di rischio legati allo sviluppo di questo tumore:

  • familiarità: avere casi in famiglia di tumore al seno o alle ovaie può accrescere l’incidenza di questa malattia;
  • età: si ritiene che con l’avanzare degli anni aumenti il rischio di sviluppo del tumore al seno. È stato stimato, però, che il 60% dei casi interessa donne con meno di 55 anni;
  • mutazione genetica: le donne con un’anomalia a carico dei geni BRCA (associato allo sviluppo del cancro al seno o alle ovaie) sono più a rischio di sviluppare un tumore simile.

La diagnosi precoce è importantissima. Se si individua il cancro al seno quando è in situ (stadio zero) il tasso di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi delle pazienti arriva al 98%3.

Si può attuare una strategia di prevenzione dopo aver fatto uno screening al seno. L’autopalpazione è utile per rilevare noduli, secrezioni o altre anomalie. Importante è associare controlli con uno specialista senologo.

Il test genetico che è capace di rilevare le mutazioni dei geni BRCA è utile per una diagnosi precoce. Occorre un campione di saliva o di sangue dal quale si studia il DNA per individuare anomalie dei geni BRCA1 e BRCA24.

L’ecografia è un esame di screening che scansiona i tessuti del seno alla ricerca di noduli o cisti con liquido. La mammografia (esame estremamente affidabile) rileva molti tipi di cancro nelle fasi iniziali, quando non è ancora possibile rilevarli con la palpazione.

Per maggiori Informazioni: www.brcasorgente.it

A cura di: Ufficio stampa Sorgente Genetica

  1. I numeri del cancro 2014 – pubblicazione a cura di Aiom, Ccm e Artum
  2. Nastro Rosa 2014 – LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori)
  3. Airc – Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro
  4. Campeau PM, Foulkes WD, Tischkowitz MD. Hereditary breast cancer: New genetic developments, new therapeutic avenues. Human Genetics 2008; 124(1):31–42