2 dicembre 2016

Caso Chiara Insidioso, il papà Maurizio: “No a sconti di pena per chi ha ridotto mia figlia un vegetale”

Maurizio Insidioso chiede giustizia per sua figlia, Chiara.  Lo fa a gran voce, da sempre. Da quando l’ex fidanzato di Chiara la massacrò a calci e a pugni, riducendola in stato vegetativo: “No ad altri sconti di pena per Falcioni, la cassazione confermi i 16 anni di galera. La sentenza definitiva arriverà il sedici dicembre”, ha dichiarato ai microfoni di Radio Cusano Campus nel corso del format ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Maurizio Insidioso, papà di Chiara, vuole giustizia per sua figlia: “La Cassazione non ha ancora emesso una sentenza definitiva. Il 16 dicembre si riunirà la camera di consiglio, il ricorso fatto dagli avvocati di Falcioni è stato mandato nella VII sezione, che sulla carta fa parte dei ricorsi inammissibili. Al 90% dovrebbe essere confermata la pena, ma da genitore mi preoccupa il restante dieci percento. Visto anche quanto accaduto in appello…”.

L’appello ha scottatoMaurizio Insidioso, papà di Chiara: “Falcioni in primo grado era stato condannato a vent’anni. Una sentenza veramente esamplare. In appello, invece, molto spesso in Italia vengono dati sconti d’ufficio. A Falcioni è stato dato uno di questi sconti, gli hanno tolto 4 anni di reclusione. Falcioni addirittura ha cambiato avvocato, perché pensa che deve uscire dal carcere. Ha fatto di tutto meno che dimostrare pentimento. Anche se poi, lo sottolineo, il pentimento suo serve a poco.  La cosa che mi mette amarezza è sapere già che nello spazio di 7, 8 anni, in base alla condotta che terrà in carcere, avrà la possibilità di uscire dal carcere, mentre noi saremo per tutta la vita accanto a Chiara in questa situazione”.

Fonte: Radio Cusano Campus