5 dicembre 2016

Spalletti a Roma Radio su Dzeko, Fazio, Jesus, Salah, Sarri e la sosta…

Il giorno dopo il successo sull’Inter nel posticipo del settimo turno di Serie A il tecnico giallorosso è intervenuto ai microfoni di Roma Radio toccando diversi argomenti: dalla reazione al successo sui nerazzurri, alle prove di Dzeko, Fazio e Juan Jesus nella sera dell’Olimpico fino alle dichiarazioni di Sarri su campionato e Juve e al suo modo di approcciarsi alla imminente sosta.

Ecco qui di seguito una sintesi delle sue dichiarazioni…

A mente fredda quale è il reale significato della vittoria di ieri: è più importante per la classifica, per la consapevolezza o per l’allenatore?

“Sono tutte cose giuste. Io ci metterei anche per la squadra, per la tranquillità. Si sa che lavorando nella Roma, dove tutto ti appare amplificato, è importante avere la consapevolezza di aver vinto contro una grandissima squadra. E’ importante poter usare il  tempo con più tranquillità per poter sviluppare i nostri obiettivi. Oggi diventa tutto più facile, c’è una serenità maggiore, meno tensione, cova meno nervosismo dentro lo spogliatoio, anche il timbro di voce è più rilassato, più normale. Il fatto è che le sconfitte ti creano tensione, ti creano nervosismo, ti creano dispiacere personale, mentre nelle vittorie non sei mai felice ma solo un po’ più rilassato perché poi le insidie sono sempre lì dietro l’angolo, ma è anche giusto così perché questo è quello che devi fare. Però c’è differenza tra subire una sconfitta e fare una vittoria”.

Forse il gol è la cosa meno bella che ha fatto Dzeko contro l’Inter…

“Dzeko oggi è giustamente preso di mira positivamente per quello che ha fatto. Perché c’è differenza tra questa e le altre partite. Ma c’è differenza anche tra quello che lui potrebbe fare e quello che ha fatto. Alcune cose ho cominciato a dirgliele anche pubblicamente, con lui ho usato diversi metodi, durante le riunioni e nei dialoghi personali. Qualcosa ora si vede. Non dico che dipenda da noi, però va trattato per quello che lui evidenzia. E le possibilità ci sono, come si è visto ieri sera. E anche superiori. A volte lui non le usa bene queste possibilità. E noi abbiamo l’obbligo di tentare di farlo accorgere di queste possibilità”.

Con l’Inter Edin ha giocato anche da falso nueve.

“Fa parte della sua totale qualità. Lui è un calciatore veramente completo. Con Aguero, che è più giocatore da area di rigore, lui faceva anche l’attaccante più di movimento. Con lui si può fare tutto, perché è veramente un calciatore completo. Gli manca solo un po’ di carattere. Ormai lo si può dire e non gli facciamo del male. Perché quando con una persona ci stai un anno insieme non è solo una considerazione momentanea, viene fuori che ogni tanto abbassa il livello di cattiveria agonistica che è ciò che nutre la prestazione nel calcio italiano e nel calcio in generale. Bisogna farlo diventare più cattivo”.

Ottime prestazioni di Fazio e Juan Jesus, due giocatori molto criticati. E’ giusto sottolineare la loro partita.

“Nella Roma non ci stanno giocatori capitati per caso. C’è gente che lavora per la Roma, tutti i ruoli sono ricoperti. Fazio è stata una bella trovata perché per la forza e il valore che ha è un elemento che porta grande vantaggio alla nostra squadra. Lo abbiamo pagato poco, è una persona serissima, uno straordinario atleta. E ha fatto vedere di avere personalità nel momento in cui è entrato. Perché quando sei alla Roma non hai a disposizione 10 partite per far vedere il tuo valore. Non sei un giovane a cui va dato tempo, sei uno maturo e la Roma ti dà tempo 10 allenamenti, poi devi far vedere il tuo valore. Quando ti butto dentro devi dare il fritto”.

E Jesus?

“Lui ha fatto una straordinaria partita, contro la sua ex squadra e contro un giocatore fortissimo. Perché ora che non fa più parte di “quelli” lo possiamo anche dire. Candreva è un giocatore fenomenale che sa scegliere la posizione dove mettersi per crearti il dubbio. Ti si mette in mezzo al triangolo composto da punta esterna, mediano e terzino. In base a chi lo attacca fa il movimento che disturba di più”.

La prestazione di ieri di Salah? 

“Lui è dilaniante. Ha questi strappi impetuosi di velocità e tecnica che ti squarta in due l’avversario. In fase di palleggio lui ha bisogno di fare le cose in velocità. Lui, palla sui piedi, ti guarda in faccia, ti passa dentro, ti fa un buco nello stomaco e va di là. Poi di là bisogna vedere se hai preso vantaggio. Quando ti capita l’occasione di fare gol e poi l’occasione di farlo fare, e ancora l’occasione di fare un passaggio determinante e queste occasioni le sbagli poi devi tirare una riga e dire “ora che si fa?”. Perché poi gli altri gestiscono. Nel mezzo di queste tue qualità, se non si riempie la partita, poi la riempiono gli altri. E se gli altri, come l’Inter, hanno qualità, la partita la riempiono bene. Bisogna fare attenzione a questo anche”.

Ieri Sarri ha detto che la Juve fa un campionato a parte. E’ un suo giochino psicologico per motivare la squadra oppure è vero?

“Non posso commentare cosa dice una persona intelligente come Sarri, che è uno sveglissimo. Se dice qualcosa ha il suo scopo, il suo fine. Non possiamo andare a ricercarlo noi il significato. Io dico che la Juve è quella che ci aspettavamo. Sono stati bravi a sfruttare al massimo quello che gli è stato concesso perché possono fare molto di più, non hanno fatto benissimo fino a questo momento. Sono una grande squadra, con grande mentalità, grande carattere e grandi campioni. Poi però noi siamo al 60 per cento, c’è spazio. Magari siamo al 70 o l’80  per cento ma ai giocatori gli si dice così”.

Contento della pausa o avrebbe preferito continuare a giocare?

“Noi abbiamo delle situazioni che con il risultato di ieri in parte abbiamo messo a posto. Ma su altre bisogna lavorarci ancora. E vogliamo andare avanti sul sistema usato nell’ultima settimana, che in sintesi è stato quello di usare più tempo per andare in profondità nelle cose”.

Fonte: asroma.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.