8 dicembre 2016

Georgia: l’abbraccio del Papa ai malati assistiti dai Camilliani

La tenera carezza del Papa ai più bisognosi di affetto, di comprensione e di assistenza: gli ammalati. Francesco ha espresso innanzitutto il suo grazie agli operatori e volontari che, attraverso il loro disinteressato impegno, esprimono in maniera eloquente l’amore per il prossimo, soprattutto quando soffre:

“La vostra attività è un cammino di collaborazione fraterna tra i cristiani di questo Paese e tra fedeli di diversi riti”.

Questo incontrarsi nel segno della carità evangelica – ha continuato il Papa – è testimonianza di comunione e favorisce il cammino dell’unità. Quindi l’incoraggiamento a proseguire su questa strada al servizio dei più indifesi della società:

“Le persone povere e deboli sono la ‘carne di Cristo’, che interpella i cristiani di ogni confessione, spronandoli ad agire senza interessi personali, ma unicamente seguendo la spinta dello Spirito Santo”.

Quindi il saluto particolare del Papa ad anziani, ammalati, sofferenti e agli assistiti dalle diverse realtà caritative:

“Dio non vi abbandona mai, vi è sempre vicino, pronto ad ascoltarvi, a darvi forza nei momenti di difficoltà. Voi siete prediletti da Gesù, che ha voluto immedesimarsi nelle persone sofferenti, soffrendo Egli stesso nella sua passione”.

Le iniziative della carità – ha concluso Papa Francesco – sono il frutto maturo di una Chiesa che serve, che offre speranza e che manifesta la misericordia di Dio.

(Da Radio Vaticana

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.