3 dicembre 2016

Calcio, Allievi nazionali, Racing Roma, Pezone junior show: “Ma mi dispiace molto per la sconfitta”

Nello sfortunato debutto in campionato degli Allievi nazionali (Under 17 Lega Pro) del Racing Roma sul campo della Casertana (rocambolesco 3-2) c’è sicuramente una nota lieta, vale a dire la bella doppietta dell’ala destra classe 2000 Nicolas Pezone. «Abbiamo cominciato la partita subendo il gol dello svantaggio – racconta l’esterno d’attacco -, ma poi abbiamo avuto una reazione pareggiando i conti prima dell’intervallo e poi passando in vantaggio ad inizio ripresa». In entrambi i casi la firma è stata di Pezone junior: prima grazie ad un calcio di rigore e poi con un delizioso “scavino” che ha beffato il portiere campano. «Purtroppo non siamo stati nemmeno fortunati perché abbiamo subito il gol del 2-2 su un’autorete in mischia e la rete del definitivo 3-2 locale su calcio di rigore» rimarca Pezone, prodotto del settore giovanile del Racing che l’anno scorso aveva già giocato tra gli Allievi nazionali con la maglia del Lanciano, senza riuscire a segnare gol. «Sono contento per la doppietta che dedico a mia sorella Eleonora che proprio domenica ha festeggiato il suo compleanno, ma è chiaro che mi dispiace per la sconfitta della squadra. Speriamo di rialzarci sin da subito, magari già a partire dalla sfida interna del prossimo turno contro la Juve Stabia. Sono convinto che abbiamo un gruppo molto valido e speriamo di arrivare alle finali della categoria». Il fatto di essere il figlio del presidente avrebbe potuto creargli qualche imbarazzo, ma questo non ha condizionato Nicolas. «Non mi pesa e non ci sono problemi coi miei compagni di squadra e con mister Greco, anzi ogni tanto questa situazione mi ha addirittura penalizzato – sorride Nicolas -. Mio padre domenica non era presente a Caserta, ma si è complimentato per la doppietta dicendomi di continuare a lavorare sodo». Il Racing Roma è chiamato a rialzarsi immediatamente, ma i ragazzi di Greco sapranno sicuramente fare quadrato e cancellare al più presto il k.o. dell’esordio.