6 dicembre 2016

Binder fa suo anche a Misano

Il GP di San Marino è Brad Binder, leader della classe è pilota Red Bull KTM Ajo che fa cinquina di vittorie. Enea Bastianini del team Gresini nulla può contro il sudafricano ed è secondo davanti a Joan Mir, Leopard Racing. Bene il suo compagno di box Andrea Locatelli, sesto finale ma ancora meglio Nicolò Bulega dello Sky Team VR46, di poco giù dal podio.

La mattinata al Misano World Circuit Marco Simoncelli si apre con clima atmosferico buono e contraddistinto da temperature in aumento rispetto ai giorni scorsi. Nel warm up il migliore è stato Bastianini che partirà dalla prima fila al secondo posto. In seconda posizione Bulega, alla sua terza prima fila stagionale mentre autore della pole è stato il dominatore della classe, Brad Binder. Joge Navarro, secondo in campionato e pilota Estrella Galicia 0,0 è al centro della seconda fila mentre il terzo iridato, Francesco Bagnaia, Gaviota Aspar Mahindra, è arretrato in nona.

Dunlop a mescola media per quasi tutti i protagonisti della quarto di litro e la corsa può iniziare. Si spegne il semaforo e parte bene Bastianini che si pone al comando della gara. Il riminese è inseguito da Binder e da Jackub Kornfeil, Drive M7 Sic, scattato dalla quarta posizione. Bulega è artefice di un avvio lento e al primo giro occupa la sesta posiziono davanti a Fabio Di Giannantonio, compagno di box del leader della gara. Cade Bo Bendsneyder del team Red Bull KTM Ajo e subito dopo Maria Herrera, MH6 Laglisse. Alla fine del primo giro Binder sorpassa l’italiano mentre dietro a Kornfeil i due portacolori Estrella Galcia 0,0 si fanno minacciosi.

Al terzo giro dei ventitré previsti Bastianini torna al comando ma Binder risponde subito ed è ancora primo mentre Bulega si inserisce prima tra i due piloti Estrella e poi supera Navarro. Il rookie della categoria mette nel mirino Kornfeil e ha la meglio sul pilota ceco dopo quattro giri dall’avvio. La KTM dello Sky Team VR46 per la gara presenta una nuova livrea dipinta dalla street arter Laurina Paperina. Bulega è determinato a fare una grande gara e lotta nelle posizioni di testa e per qualche giro passa al comando prima di tornare al terzo posto. I suoi due compagni di scuderia sono arretrati, Andrea Migno e Lorenzo Dalla Porta sono diciassettesimo e diciottesimo, per loro sarà una gara senza acuti.

A meno 17 giri dalla fine è vittima di una caduta Gabriel Rodrigo RBA Racing mentre recupera Andrea Locatelli del team Leopard Racing, ora quinto alle spalle di Bulega che ha perso una posizioni. Binder è ancora al comando ed esce di scena il suo principale rivale iridato, Jorge Navarro cade alla curva 14. Al nono giro Il leader della classe e Bastianini sembrano aver preso un piccolo vantaggio su Bulega, seguono Locatelli e Mir poi Kornfeil, Di Giannantonio e Hiroki Ono, Honda Team Asia. In ombra Bagnaia che, quando mancano 14 giri al termine, è venticinquesimo.

La testa della corsa è divisa in due coppie, Bastianini insegue Binder e Mir è in scia a Bulega. I quattro sono staccati da oltre un secondo ma la gara potrebbe risolversi in una volata finale nella quale potrebbero entrare anche i piloti dietro. Il corridore del team Gresini in queste fasi sembra impegnato nello studiare la tattica migliore per battere il dominatore della quarto di litro. Cadono Marco Ramirez del team Platinum Bay e Tatsuki Suzukim CIP-Unicom mentre in precedenza è stato costretto al ritiro la wild card Alex Fabbri portacolori Minimoto Portomaggiore.

A meno otto giri dalla bandiera a scacchi le prime posizioni si stabilizzano e la bagarre per la vittoria è solo rimandata alle tornate finali. Si accende a meno cinque giri dal termine quando il riminese attacca Binder e lo supera provando ad allungare ma senza riuscirci. Ci riesce invece Mir, terzo, che prende qualche metro di vantaggio su Bulega ma è costretto a cedere la posizione all’italiano per aver oltrepassato il limite esterno della pista. Dopo la panaltà il pilota Leopard ha subito la meglio e torna sull’ultimo gradino del podio temporaneo. Inizia l’ultimo giro con Bastianini che prova a spingere ma non riesca a scrollarsi di dosso il pilota sudafricano, un vero segugio che a metà dell’ultimo giro attacca superando l’italiano. Il numero 33 prova a rispondere ma senza successo ed è secondo sotto la bandiera a scacchi.

Il dominatore della categoria vince la sua quinta gara della stagione. Bastianini è sulla piazza d’onore davanti a Mir, quarto è Bulega poi Konfeil e Locatelli. Di Giannantonio è decimo e Niccolò Antonelli, Ongetta-Rivacold, è undicesimo dopo il duello nei giri finali con Livio Loi del team RW Racing e Juanfran Guevara, scuderia RBA. Gli altri italiani sono oltre la quindicesima posizione.

Binder (229 punti) è saldo al comando della classifica iridata e sempre più vicino al titolo, una vittoria nel prossimo GP potrebbe incoronarlo campione. Guadagna punti Bastianini (123) ora secondo iridato che compie il sorpasso su Navarro (118) e Bagnaia (110). Il pilota Mahindra, alla fine 21esimo, è superato in classifica anche Bulega, nuovo quarto con 113 lunghezze iridate.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.