4 dicembre 2016

Roma, contrasto allo spaccio tra Tor Bella Monaca, Centocelle e Casal Bertone: cinque gli arresti

Il servizio di Polizia Giudiziaria che ha portato all’arresto da parte della Polizia di Stato di 5 persone, tutte abitanti in uno dei “palazzoni” del quartiere di Tor Bella Monaca, è durato un giorno intero con appostamenti ed accertamenti svolti dagli investigatori del commissariato Casilino e dalle unità operative della Squadra Cinofili della Questura di Roma. Il primo a finire “nella rete” è un 17enne; i poliziotti hanno accertato che l’adolescente vendeva hashish e cocaina in piccole dosi che prelevava, di volta in volta, da un appartamento “blindato”. Al termine delle perquisizioni sono stati sequestrati più di 250 grammi di hashish e 44 dosi di cocaina. Subito dopo gli stessi agenti hanno arrestato S.I.A., 32 anni originario della Somalia; sorpreso mentre rientrava nella casa dove stava scontando una pena agli arresti domiciliari. Inutile il suo tentativo di confondere i poliziotti che ben conoscevano la sua identità ed il suo status giuridico. Nel tardo pomeriggio, sempre nello stesso comprensorio, a finire in manette sono tre ragazzi, 2 donne ed un uomo. M.L. 25 anni, B.A. 21 anni e L.R.E. 34 anni, non pensavano di essere sotto la lente di osservazione degli agenti del vicino commissariato. Sono stati sorpresi mentre confezionavano mono-dosi di cocaina e parlavano dell’arresto avvenuto nella mattinata. 222 le dosi di cocaina sequestrate insieme al materiale per il confezionamento e la “sostanza da taglio”.

I poliziotti del commissariato Porta Maggiore avevano notato che alcuni gruppi di africani, pusher più o meno conosciuti dagli stessi investigatori, stazionavano a lungo presso le fermate del tram all’inizio di Via Casilina, oppure salivano e scendevano dal mezzo pubblico dopo una sola fermata. I primi riscontri davano esito negativo, così i poliziotti hanno deciso di osservare la scena da una distanza maggiore, anche con l’ausilio di visori notturni. Gli appostamenti fatti in questo modo hanno permesso di scoprire la nuova tecnica di spaccio: il pusher nasconde le singole dosi in anfratti e/o fessure che si trovano nelle vicinanze della fermata del tram, l’ordine arriva sul cellulare, sempre tramite telefono lo spacciatore indica all’acquirente quale vettura prendere del tram, recupera la dose dal nascondiglio e, tenendola in bocca, sale sul tram convenuto. La forma delle vetture del trasporto pubblico su rotaia permette al pusher di valutare la presenza sia dell’acquirente che di poliziotti. Se lo spacciatore ritiene che la situazione è “tranquilla”, con un rapido gesto cede la droga e ritira i soldi. Scoperto il modus operandi, gli agenti hanno istituito un servizio ad hoc. Subito sono stati arrestati 2 ragazzi di origini senegalesi, D.D. di anni 29 e G.F. di anni 32; quest’ultimo, già noto come pusher, era sottoposto alla misura coercitiva del “divieto di dimora nel comune di Roma”. In questo caso il nascondiglio delle mono-dosi era una paratia della pensilina della fermata del tram.

Nella zona di Casal Bertone invece, un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine Lazio ha arrestato B.F. , 27 anni, romano. Il ragazzo, alla vista della Polizia di Stato, ha tentato di disfarsi di un sacchetto con 20 dosi di cocaina che stava trasportando con la sua auto. Nella sua abitazione sono state sequestrate altre 180 dosi della stessa sostanza nascoste in un pallone da calcio. Gli investigatori del commissariato San Giovanni sono al lavoro per stabilire sia la provenienza che la destinazione della cocaina.

Nel quartiere di Centocelle gli agenti del Reparto Volanti, intervenuti in un’abitazione affittata a più persone per una lite, hanno scoperto una mini serra di marijuana. 4 piante erano coltivate all’interno di armadio in stoffa –di quelli comunemente usati per il campeggio-     illuminato artificialmente da     alcune lampade. Sono in corso   ulteriori accertamenti per stabilire la paternità dell’armadio/serra.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.