23 gennaio 2017

Fiumicino, problema spazzatura: è fondamentale un cambio di rotta immediato

Possiamo dire emergenza rifiuti anche a Fiumicino? Senza dubbio si! Sta partendo in questi giorni la differenziata in diverse zone di Isola Sacra con l’obiettivo di arrivare ad una consapevolezza sul riciclo del rifiuto che è fondamentale per rendere il pianeta più vivibile.

Detto questo è ovvio che a monte ci siano dei problemi, sia dal lato dell’amministrazione pubblica che da quella del cittadino. Non è possibile che dove ci sia un secchione nasca automaticamente una discarica a cielo aperto con rifiuti non solo ingombranti ma spesso pericolosi, all’ultimo secchione di via Castegnevizza la scorsa settimana  30 taniche con sostanze infiammabili. Per non parlare del centro storico dove ci sono i ristoranti la produzione dei rifiuti organici provoca cattivo odore con l’arrivo di ratti e animali che infestano la città, li occorre una raccolta giornaliera e più che altro tempestiva.

Serve un’azione precisa e netta che faccia chiarezza sul processo di smaltimento e di raccolta. Due giorni fa al mancato ritiro dell’umido nella zona 2 di Isola Sacra l’operatore al telefono ha risposto ai diversi cittadini che hanno chiamato: “Purtroppo l’operatore non sapeva che doveva fare le traverse“, come dire “scusate il comandate non sapeva che l’aereo deve atterrare“. In questo caso è normale che l’utente con il suo sacchettino “maleodorante” vada a cercare un cassonetto per poterlo buttare, non è fattibile tenere “l’umido” per altri due giorni con questo caldo e allora? Addio differenziata.

“Il centro di Fiumicino ormai è una pattumiera a cielo aperto -fa sapere il consigliere di Noi con Salvini William De Vecchis – siamo in emergenza rifiuti è inutile negarlo, qualcosa non funziona nel sistema della gestione dei rifiuti, iniziano a vedersi topi di grosse dimensioni intorno agli accumuli di spazzatura.Sollecito una commissione ambiente urgente per i chiarimenti del caso.”

Ribadisco che fare la differenziata non è un obbligo ma è un dovere, un dovere morale per evitare che nel prossimo futuro la spazzatura possa diventare la vera emergenza non del nostro paese ma dell’intera popolazione mondiale, ma dall’altra parte è invece un dovere per le amministrazioni pubbliche mettere in grado il cittadino di fare la differenziata con i cicli previsti e di non dover  scendere in strada ala ricerca del cassonetto perduto.

About Emanuele Bompadre 8708 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.