10 dicembre 2016

Tiro con l’arco, Nespoli agli ottavi, Mandia e Boari elimante

Mauro Nespoli batte Wijaya e Duzelbayev volando agli ottavi di finale individuale di venerdì 12 agosto alle 14,39 contro l’indonesiano Ega Agatha. Sconfitte ed eliminata al primo turno Claudia Mandia e Lucilla Boari. Domani nessun azzurro in gara.

Mauro Nespoli porta l’Italia agli ottavi di finale nella gara maschile individuale del tiro con l’arco alle Olimpiadi di Rio 2016. L’azzurro batte 7-3 l’indonesiano Muhammad Wijaya e si ripete ai sedicesimi contro il kazako Sultan Duzelbayev con un secco 6-0. Venerdì 12 agosto alle 14,39 l’avversario di Nespoli agli ottavi sarà, a sorpresa, l’indonesiano Riau Ega Agatha capace di battere 6-2 ai sedicesimi di finale il coreano Woojin Kim che nel primo giorno di gare aveva fissato il nuovo record del mondo con 700 punti.
Si chiude invece ai trentaduesimi di finale l’avventura olimpica di Claudia Mandia battuta 6-4 dall’americana Mackenzie Brown. In serata arriva anche l’eliminazione di Lucilla Boari che esce sconfitta 7-1 dal match contro l’australiana Alice Ingley.

Domani altra giornata di scontri diretti individuali al Sambodromo di Rio de Janeiro. Il tabellone però non vede nessun arciere azzurro in gara. David Pasqualucci, Marco Galiazzo e Guendalina Sartori inizieranno la loro gara nella giornata di mercoledì con i match validi per i trentaduesimi di finale.

LA CRONACA DEGLI SCONTRI
1/16 Mauro Nespoli-Sultan Duzelbayev (KAZ) 6-0 Nespoli vince il primo set 28-25 e si porta avanti 2-0. L’aviere azzurro va sul 4-0 con il parziale di 29-25. Chiude il match Mauro Nespoli con il 28-25. 6-0 secco e passaggio agli ottavi di finale.
1/32 Mauro Nespoli-Muhammad Wijaya (INA) 7-3 Ottimo avvio di Mauro Nespoli che vince il primo set 27-25. L’azzurro vince anche la seconda frazione con un netto 29-25 e vola sul 4-0. Volée di livello altissimo, la terza. E’ 29-29, Nespoli rimane in vantaggio 5-1. L’indonesiano Wijaya si riporta nel match vincendo il quarto set 29-28. 5-3 il punteggio. Mauro Nespoli vola ai sedicesimi di finale con il 27-26 delle ultime tre frecce che valgono il 7-3 finale.
1/32 Lucilla Boari-Alice Ingley (AUS) 1-7 Finisce 25-25 la prima volée, due 9 e un 7 per Boari. Il secondo set va all’australiana con il punteggio di 28-25.Punteggio ora sull’1-3. L’australiana vince anche il terzo parziale 23-22 e vola sull’1-5. Lucilla Boari viene eliminata al primo scontro diretto con il risultato di 5-3, la sua avversaria vince anche il quarto set 24-20.
1/32 Claudia Mandia-Mackenzie Brown 4-6 Triplo 9 per l’azzurra che vince il primo set 27-26. Gara di altissimo livello, due 10 e un 9 per entrambe. Risultato ora sul 3-1 per Mandia. Brown vince la volée 28-26 e riporta la gara in parità 3-3. Grande battaglia al Sambodromo, il quarto set si chiude 28-28 ed è 4-4. Esce di scena Claudia Mandia battuta 26-22. Il punteggio finale è di 6-4 a favore dell’americana Brown.

LE DICHIARAZIONI
Claudia Mandia
CLAUDIA MANDIA IN AZIONE CON IL COACH ILARIO DI BUO' - FOTO WORLD ARCHERY“Avevo iniziato benissimo, ma nell’ultima volée non sono arrivati i punteggi che avevo realizzato prima. Penso abbiano avuto un ruolo gli agenti esterni nelle ultime frecce, perché a inizio gara era nuvoloso e poi è uscito il sole. La rosata era buona, ma era spostata rispetto al centro. Mi spiace molto essere uscita ma ho poco da recriminare perché sono soddisfatta del tiro. Dopo la grande delusione di ieri, dove abbiamo sfiorato il podio alla nostra prima Olimpiade, qualche scoria me la sono portata appresso, ma già durante la finale per il bronzo ero riuscita a tirare bene, anche perché in questi caso bisogna ripartire subito e oggi in effetti non ho tirato male. Come ho passato la notte? Sono andata a dormire subito per non pensarci e per arrivare oggi riposata per questo match individuale. Quanto fatto qui a Rio è stata comunque una grande esperienza, abbiamo dimostrato di saper tenere testa a tutte le altre in una competizione dove il livello è altissimo. Ora mi prenderò un po’ di pausa e ricomincerò subito dopo a lavorare con l’obiettivo di raggiungere Tokyo 2020”.
Il coach Ilario Di Buò
“Lo scontro di Claudia era difficile, ma lei è stata molto fredda ed è riuscita a non farsi intimidire dall’avversaria. Stamattina è partita riuscendo a cancellare la delusione della medaglia a squadre mancata. E’ partita molto bene e anche nel finale le frecce sono state eseguite bene, era un buon gruppo di frecce ma tutte a sinistra: l’arco era dritto, ha mantenuto i suoi tempi, ma i punteggi non sono arrivati, forse per l’influenza di un cambio di luce, visto che il vento non ha soffiato. Può rimproverarsi poco”.
Mauro Nespoli
“Sono contento di come ho tirato entrambi i match con una media punti alta e pochi errori. Ero concentrato e motivato. Avevo bisogno di riscattare la delusione della gara a squadre, mi sono divertito molto e guarda caso le frecce sono entrate nel giallo. Come continuiamo a ripeterci con lo staff, quando fai una cosa che ti diverte devi continuare a divertirti. Io tendenzialmente metto sempre più tensione e pressione di quello che probabilmente è necessario in queste occasioni e di fatto così apro la porta agli errori. Ultimamente ho visto le cose un po’ troppo come un dovere: in fondo siamo alle Olimpiadi e in tanti vorrebbero essere qui. Ho la fortuna di giocarle per la terza volta, mi sono guadagnato questa opportunità e non devo dimostrare nulla di più di quello che so fare. Se sarà sufficiente andrò ancora avanti e se non lo sarà mi servirà da stimolo per migliorare ancora nei prossimi appuntamenti”.
Lucilla Boari
“Sono sincera e realista: so che potevo fare meglio. La situazione era difficile ma non ho idea di cosa sia successo nel mio match. Campo difficile a causa del vento? Vero, ma non per la mia avversaria… Certamente questa è stata un’esperienza che farà crescere la squadra. Ormai è andata così, ma non è quello che volevo e meritavo. Mi aspettavo di più e forse è pesato quanto accaduto ieri nella prova a squadre, anche se non voglio trovare scuse. Tokyo2020? Io spero di esserci e certamente lavoreremo per questo”.
Il C.T. Wietse van Alten
“Ovviamente Lucilla si è portata dietro qualcosa dei match a squadre di ieri. Però è andata sulla linea di tiro decisa e ha tirato forte. E’ stato difficile perché il vento si è alzato molto e abbiamo visto anche altri match con punteggi bassi da parte di grandi atleti a causa di queste folate che si alzano nel pomeriggio. Ci sono state un paio di frecce che Lucilla è riuscita a mettere nel giallo nonostante un vento forte ed è stata davvero brava. Il problema è che le ha messe dentro anche l’australiana, nonostante in ranking round non fosse andata per niente bene”.
Il Presidente Mario Scarzella
“Questo campo di gara è davvero difficile da gestire dagli atleti nel pomeriggio. Sembra non ci sia vento e invece arriva a raffiche ed è difficile da leggere. Di sicuro Mauro ha tirato benissimo stamattina, gli facciamo i complimenti per aver raggiunto gli ottavi. Claudia anche ha tirato molto bene, così come aveva fatto ieri negli scontri a squadre. Perdere 6-4 alle Olimpiadi ci può stare. Lucilla ha tirato con altre condizioni meteo e di certo la delusione per la perdita della medaglia di ieri un po’ ha influito. Per come ha gareggiato ieri bisognerebbe farle un monumento e ripensare al loro pianto di delusione mi fa venire ancora le lacrime agli occhi. Lucilla è ancora una junior e ha le qualità e l’età per tentare di rifarsi. Domani sarà una giornata senza gare per gli azzurri, vedremo come andranno gli altri. Una giornata di pausa che farà bene a Guendalina Sartori? Già nella sfida del bronzo di ieri ha dimostrato di aver reagito. Io auguro di cuore a Guendalina di togliersi una grande soddisfazione, anche se qui può succedere di tutto: oggi con questo vento abbiamo visto eliminati atleti come i coreani e abbiamo visto arcieri giapponesi tirare sull’1. Naturalmente ci auguriamo che l’Italia possa andare avanti il più possibile”.

LO SPECIALE RIO 2016 CON TUTTI I LINK E LE NOTIZIE UTILI

http://www.fitarco-italia.org/eventi/dettaglioEvento.php?id=181