8 dicembre 2016

Nuova Yamaha Yard Built XV950 “Son of Time” by Numbnut Motorcycles

La nuova Special di Yamaha, nata dall’originale collaborazione tra la celebre officina di Amsterdam e la nota Casa di orologi TW Steel, ha un fascino senza tempo e si presenta con anima e design da vera Racing.

Grazie al progetto Yard Built di Yamaha, basato sulle collaborazioni con le più celebri officine di customizzazione internazionali, gli amanti delle Special di tutto il mondo hanno assistito in questi anni alla nascita di mezzi straordinari sulla base delle Sport Heritage giapponesi. Questi modelli ispirazionali, considerati dei veri e propri esercizi di stile, hanno stupito per la loro incredibile originalità e audacia.

La Casa di Iwata, recentemente, ha deciso di coinvolgere nuovamente i ragazzi di Numbnut Motorcycles, noti bike-maker con base ad Amsterdam (Paesi Bassi) ed artefici lo scorso anno della bellissima Yard Built XJR1300 ‘Botafogo-N’, per creare una nuova Special sulla base dell’iconica bicilindrica a “V” XV950.

Numbnut Motorcycles per questa occasione, ha deciso di sorprendere tutti collaborando con i noti costruttori olandesi di orologi TW Steel. Il progetto, originale e dallo spirito Racing, unisce i mondi dell’orologeria di classe e del motociclismo artigianale. Il risultato, davvero incredibile, prende l’emblematico nome di ‘Son of Time’.

«Questo mezzo ha catturato la mia attenzione sin dall’inizio» ha commentato Roderick Seibert, fondatore del workshop olandese. «Quando ho iniziato a “spogliare” XV950 dei primi pezzi, ero davvero entusiasta di quello che avrei potuto ottenere. Anche con TW Steel è scoccata la scintilla. Le nostre idee, nate da background completamente differenti, hanno fatto sì che questo concept si distinguesse grazie a numerosi dettagli esclusivi. Per questo sono molto orgoglioso del risultato ottenuto.»

«Sulla base della nostra bicilindrica, Roderick è riuscito a dar vita ad una Special dalla personalità originale. ‘Son of Time’ mostra lo stile unico di Numbnut Motorcycles, conservando l’anima della bobber giapponese» commenta Cristian Barelli, Marketing Coordinator di Yamaha Motor Europe.

Con l’obiettivo di ottenere più velocità in rettilineo, Roderick ha tagliato ed allungato il telaio, rinunciando a molti componenti standard con l’eccezione del motore originale, ricco di coppia. Una serie di pezzi unici, creati artigianalmente, ne definiscono l’eccezionale carattere Racing. Cover motore, prese d’aria, sella e serbatoio su misura confermano che questa Yard Built è nata per le alte velocità, strizzando così l’occhio al proprio fratello spirituale: l’orologio ‘Son of Time’ di TW Steel. Lo scarico Nozem garantisce la giusta e ringhiosa colonna sonora, mentre i magnifici e leggeri cerchi in carbonio Dymag riducono il peso del mezzo, aumentandone di conseguenza anche la potenza. Chi gareggia sui rettifili necessita di freni all’altezza delle prestazioni: per questo motivo sono state montate pinze monoblocco Brembo, dischi flottanti Brembo da 320 mm e pompa dei freni Brembo RCS 19. Grazie alle leve di freno e frizione regolabili PP e alle manopole Biltwell Kungfu, chi guida ha sempre la situazione sotto controllo. Potenza e stabilità sono inoltre garantite dalle sospensioni. Per questo componente fondamentale, Roderick si è rivolto a K-Tech scegliendo di utilizzare il kit forcella e ammortizzatori, entrambi regolabili. Gli pneumatici Pirelli Diablo Supercorsa assicurano un ottimo livello di trazione. Completano la lista di componenti di altissima levatura, entrambi by Dynojet, la centralina elettronica Power Commander che permette la regolazione dell’iniezione per ottenere il massimo del rendimento del motore indipendentemente dall’apertura del gas, e il cambio elettronico Quickshifter. Il contagiri by Motogadget Pro ed il faro anteriore a LED disegnato da Baja identificano infine la linea da vera sportiva di questo incredibile mezzo.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.