3 dicembre 2016

Acquistare online risparmiando: è Coupon-mania

Trentacinque minuti: questo è il tempo necessario per il primo acquisto via web avvenuto in Italia esattamente diciotto anni fa. Anche l’ecommerce nel nostro Paese diventa maggiorenne, quindi, e trova continuamente nuovi stimoli e incentivi grazie a strumenti come i coupon, che consentono di risparmiare sul prezzo dei beni e servizi.

Piccolo flashback. È il 3 giugno 1998 quando sul sito IBS.it avviene la prima transazione di e-commerce con carta di credito in Italia; si trattava dell’acquisto di un libro di Andrea Camilleri, per la precisione una copia del romanzo «La Concessione del Telefono», finita nelle mani di un cliente collegato da un pc a Freemont, in California. Il volume era stato messo in vendita sul sito appena 35 minuti prima. Sembra incredibile, eppure sono trascorsi già diciotto anni da questo importante giorno per la Rete in Italia.

Salto nel tempo. In un periodo così limitato, la diffusione di Internet è stata intensissima: innanzitutto siamo passati anche a casa alla “banda larga”, che ha favorito la navigazione, e poi il progresso tecnologico di dispositivi come smartphone e tablet ha dato l’ulteriore spinta anche al commercio digitale, che oggi nel nostro Paese interessa oltre 20 milioni di utenti, che acquistano beni e servizi online con regolarità. Il boom lo si è infatti raggiunto negli ultimi cinque anni, in cui gli italiani hanno capito meglio i vantaggi e le potenzialità offerte dallo shopping virtuale, passando dai 9 milioni del 2011 al dato attuale, mentre a livello di cifre e di volumi gli acquisti online sono passati dai 9,3 miliardi del 2011 ai 19,3 miliardi del 2016, vale a dire il 5% del totale consumi retail nel nostro Paese.

Italia digitale. Quasi un navigante su tre in Italia ha visitato almeno un sito o un’applicazione dedicati all’eCommerce, mentre più di un italiano su 10 compra online almeno una volta al mese, sfruttando sempre più, come accennato, i dispositivi mobili: il 21% degli acquisiti completati nel primo trimestre di questo 2016, infatti, proviene proprio da uno smartphone o da un tablet. Per quanto riguarda i settori principali nella distribuzione del fatturato dell’eCommerce nazionale, invece, le punte di diamante sono le spese per tempo libero, ma funzionano bene anche abbigliamento (+25% rispetto all’anno scorso), informatica ed elettronica di consumo (+22%) ed editoria (+16%). Ovviamente, la crescita degli utenti ha stimolato anche la nascita di aziende specializzate nelle vendite online, e oggi sul territorio dello Stivale si contano circa 15 mila imprese operanti in questo settore, anche se con dimensioni ancora lontane dai colossi internazionali: tuttavia, fa ben sperare il fatto che tra il 2009 e il 2015 le società destinate alla vendita al dettaglio online attraverso internet siano aumentate di 8.994 unità, che in termini percentuali vuol dire un aumento del 151,6%.

Motivi del successo. La possibilità di trovare online praticamente qualsiasi prodotto e di potervi accedere in qualsiasi momento della giornata ha rappresentato sicuramente uno dei fattori dello sviluppo dell’ecommerce, ma è inutile negare che il più grande vantaggio che possa esser presentato ai naviganti è quello legato al costo della “trattativa”. In genere, infatti, gli shop virtuali propongono prezzi convenienti rispetto ai canali tradizionali, diventando particolarmente appetibili per chi è alla ricerca di un “affare”.

Strategie di risparmio. Questo spiega anche la straordinaria crescita di siti che propongono ulteriori riduzioni su beni e servizi garantiti da aziende terze, ovvero che fanno circolare gli ormai famosi “coupon”, tra cui spicca l’italianissimo Piucodicisconto.com, che vanta una gamma davvero ampia di settori e offerte. Per chi non fosse ancora avvezzo a questa pratica, il coupon è una specie di codice sconto per spese online, che si compra appunta su un sito apposito e che poi è possibile “riscattare” al momento del pagamento. Si tratta di una procedura vantaggiosa per il cliente, che consente di risparmiare anche il 50 per cento sul prezzo pieno del prodotto, con piena soddisfazione e ulteriore incentivo a preferire lo shopping virtuale.b