6 dicembre 2016

Roma, Santori, FDI: “Nasce la prima tendopoli a contatto con i pazienti della ASL”

“Continuano le forti preoccupazioni da parte dei cittadini del quadrante Monteverde – Portuense a seguito dell’installazione in piano centro abitato di una tendopoli per ospitare inizialmente 150 immigrati clandestini, come abbiamo avuto modo di documentare a seguito di un sopralluogo odierno. A questo si sommano le preoccupazioni di dipendenti e utenti della ASL Roma 3, che ha affittato un intero immobile all’interno della struttura della Croce Rossa Italiana in Via Ramazzini, la cui tendopoli è sorta proprio nel parcheggio interno. Una promiscuità inaccettabile, soprattutto dal punto di vista sanitario, anche alla luce di quello che è accaduto altrove. Per tali motivi attendiamo che la Raggi batta un colpo nella sua qualità di primo cittadino responsabile della salute pubblica” lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’italia che ha attivato una petizione popolare in sostegno ad una diffida al Prefetto, al Ministro dell’Interno e al neo sindaco Raggi ad attivare un nuovo centro di accoglienza, il primo in una tendopoli a Roma.

“Tutto questo senza dimenticare che la Croce Rossa è un’entità in parte privata che sta subendo una profonda trasformazione con centinaia di dipendenti epurati con mobilità discutibili e con la prevista chiusura di centri di eccellenza come il laboratorio analisi sito proprio in Via Ramazzini, ma nonostante ciò viene utilizzato come se fosse un braccio operativo del Ministero dell’Interno. Se passa questo concetto ci attendiamo altre decisioni simili che prevedono tendopoli temporanee in ogni Municipio per gestire i continui inarrestabili flussi dei migranti. E sappiamo bene che in Italia mai è stato tanto definitivo quello che è stato inizialmente inaugurato come temporaneo” conclude Santori.

About Emanuele Bompadre 8249 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.