3 dicembre 2016

La politica? Ora è un gioco da ragazze…

Pochi  immaginavano che, insieme a rinnovare le amministrazioni locali, i cittadini fossero stati chiamati pure ad aggiornare la grammatica. L’onda rosa delle donne elette e intenzionate  a misurarsi con bilanci più complessi di quelli familiari, ma altrettanto delicati, ha portato con se anche dilemmi linguistici, piombati, nel caso di due grandi città italiane, improvvisi e inaspettati.

Per prendere tempo si è deciso di chiamare  i neo-sindaci di Roma e Torino semplicemente “le ragazze” come  fossero non le designate ad occuparsi della cosa pubblica, ma due adolescenti  in attesa di partecipare al Ballo delle Debuttanti. E infatti le prime domande sono state quelle che si fanno normalmente in questi casi, chiedendosi cosa avrebbero indossato nel giorno dell’insediamento  essendo l’opinione pubblica  preoccupata: la Raggi, oltre al pantalone scuro e la camicetta bianca, possiede altro o tocca farle il guardaroba? L’Appendino col suo taglio di capelli, il parrucchiere andava di fretta o è uno stile nuovo che spopolerà? Poco manca  s’ indaghi pure sulla loro alimentazione, seduti la sera davanti alla TV hai visto  come sono magre le “ragazze”?

Mangiate che fare il sindaco è faticoso e non dimenticate le vitamine. Da loro, almeno per adesso, nessuno si aspetta ancora che sappiano governare. Bisogna risolvere prima il problema di come chiamarle. Da qui il dilemma, ci si deve rivolgere loro appellandole sindaco, sindaca o sindachessa? La questione non è da poco, metti che per l’emozione uno sbagli e al posto della “c”  scriva  sindaco o sindaca mettendo la “g” scatena un pasticcio incredibile… Non so se mi spiego. Allora sindachessa, che però piace poco, come non piacciono molto avvocatessa e vigilessa. Danno l’idea di donne virago che ce l’hanno soprattutto con gli uomini. Bene prendiamola da lontano la questione, prova  a mediare chi ha esperienza. Proponendo la dizione: sindaco donna. Scherziamo  vero? Perchè non specificare pure il gruppo sanguigno e il numero delle scarpe, visto che ci siamo.

Non se ne esce e  si procede in ordine sparso, nel tentativo di adeguare la grammatica alla politica. Che le donne abbiamo delle qualità come amministratrici ormai è risaputo, basta vedere i miracoli che fanno quotidianamente, il fatto è che mancano le parole per  esprimerlo o meglio c’è bisogno di un pò di tempo per adeguarsi. Il nodo perciò appare: continuare a  lavorare bene  e farsi chiamare in modo vecchio o pretendere di essere chiamate in modo nuovo restando poi  come souvenir  costosissimi?   Penso all’ancora poco diffuso”assessora” o al terribile ( dal punto divista uditivo ) “presidenta” che da più l’idea di una direttrice   di un collegio, magari baffuta! Il linguaggio si evolve  con i cambiamenti della società, talvolta incontra delle resistenze. Questione complicata, ecco perchè alla  fine si era deciso di usare il termine”ragazze”. In attesa dell’evoluzione della lingua che magari ci mette tempo a cambiare e …toh. E’ già il momento di farle tornare a casa: “le ragazze”!