5 dicembre 2016

“Dominio Pubblico- la città agli Under 25”

“Dominio Pubblico- la città agli Under 25” è un percorso di formazione condivisa nato in collaborazione con alcune importanti realtà artistiche romane. Il progetto si è consolidato negli anni ed è ormai giunto alla sua terza edizione. Dal 31 Maggio al 5 Giugno si svolgerà il Festival a cui circa 20 ragazzi esclusivamente Under 25 hanno lavorato con impegno e dedizione curando tutti gli aspetti organizzativi dell’evento.  Gli spazi che ci ospiteranno sono alcuni dei più importanti per cultura e spettacolo della città: il Teatro Argot Studio a Trastevere, Il Teatro dell’Orologio vicino Piazza della Chiesa Nuova, il Foyer del Teatro Valle e il Teatro India sito in Viale Marconi grazie alla collaborazione con il Teatro di Roma.

I ragazzi dai 17 ai 25 anni, si sono confrontati con il panorama artistico contemporaneo attraverso un’indagine circa la creatività di una generazione di artisti loro coetanei. Durante la prima parte del progetto  sono stati spettatori attivi di una rassegna di circa 12 spettacoli tra teatro e musica potendo sviluppare un proprio pensiero critico. Contemporaneamente hanno seguito tutte le fasi di elaborazione e progettazione di un Festival: dalla stesura del bando, alla programmazione tecnica, alla raccolta fondi per garantire una copertura delle spese vive. Sarà attiva fino al 3 Giugno, infatti, una campagna di raccolta fondi su Crowdarts (https://www.crowdarts.eu/it/campaigns/dominio-pubblico-la-citta-agli-under25/#/campaign) piattaforma di crowdfunding per le arti performative.

Alle origini del progetto, nel 2014 il manifesto che inaugurava la stagione recitava: “Nessuno può appropriarsi in maniera esclusiva di ciò che è di Dominio Pubblico, piuttosto ciascuno può prendere quel bene e goderne”, rimane questa, una delle convinzioni di base e degli obiettivi della settimana degli Under. In particolare l’attenzione del gruppo si è rivolta alla necessità di creare spazi di condivisione e luoghi d’incontro tra gli artisti e gli spettatori, per l’affermazione  dell’arte dei giovani per i giovani.

Nella giornata di apertura della nostra programmazione, ospiteremo il Musical curato da Eleonora Pippo “Cinque allegri ragazzi morti il musical Lo-Fi #tuttonuovo”, con le musiche dei Tre allegri ragazzi morti ispirato al fumetto di Davide Toffolo, frontman della band. Lo spettacolo, che già aveva riscosso successo con il primo allestimento, viene proposto al Festival in una veste nuova ed originale. Ad impreziosire alcuni brani dello spettacolo la fisarmonica di Rossano Baldini, eclettico pianista e compositore, musicista per Nicola Piovani e membro dell’Orchestra italiana del cinema recentemente apprezzato dal pubblico romano con Giorgio Canali nella Notte di Musei 2016. A seguire la musica degli Human as Possible , progetto artistico già presente nelle edizioni precedenti, nato a metà tra Berlino e Palermo in grado di fondere in un unico punto musica classica e ultramoderna. Durante tutta la settimana 7 spettacoli teatrali  di grande spessore artistico e  pienamente centrati all’interno della drammaturgia contemporanea, concerti live dalle sonorità  differenti: dall’improvvisazione elettronica degli e-cor ensemble al mix di stili dei So does your mother all’irriverenza dei CaPaBrò.

I cinque progetti di arti visive verranno presentati  dagli artisti durante i momenti “Incontrarte” e saranno presenti in mostra permanente per tutta la durata del Festival presso i Foyer dei diversi spazi teatrali. Anche le proiezioni degli audiovisivi, per cui è stato predisposto  il Foyer del Teatro Valle, vedranno la possibilità per il pubblico di conversare direttamente con i registi, in modo che si costruisca un dialogo aperto e stimolante.

Il sabato presso il Teatro India ospiteremo i giornalisti del premio “Nico Garrone” giunto ormai alla settima edizione, istituito in ricordo del critico teatrale e studioso particolarmente dedito alla ricerca, per tanti anni direttore artistico del Festival di Radicondoli.

Alle 18:00 20  ragazzi del laboratorio permanente di formazione teatrale curato da “Dynamis” gruppo di ricerca artistica che si occupa della sperimentazione di diversi linguaggi sul piano formativo, porteranno in scena “Alice”, una riscrittura contemporanea ed estremamente personale di L. Carrol. Il progetto è nato grazie alla collaborazione con la Onlus “Amici dei Bimbi”.

Quattro location per sei giorni di programmazione, circa 30 progetti artistici, più di 50 artisti coinvolti, un laboratorio di formazione sul campo nato a Dicembre 2015: il festival vuole letteralmente e metaforicamente scuotere la città, far risuonare ovunque le proprie intenzioni e consegnare in mano ai giovani artisti ciò che è, e deve rimanere, di Dominio Pubblico.