10 dicembre 2016

Ladispoli – Piscina, la lettera aperta al sindaco Paliotta

Gent.mo Sindaco Paliotta,

molto in sintesi descrivo quel che mi è capitato. E del resto la situazione dovrebbe esserle nota. Qualche giorno fa ho ricevuto una mail in cui l’autore mi informava di aver deciso, testuali parole, ‘in sintonia con il pensiero del Sindaco Crescenzo Paliotta, di acquistare un sollevatore per disabili idraulico, certificato ed idoneo all’uso per l’ingresso in acqua di persone a mobilità ridotta’. Naturalmente sto parlando della modalità d’accesso alla vasca natatoria della piscina di Ladispoli.

Nella mail si legge: “… ci tengo a sottolinearLe che tutto il nostro staff incluso lo scrivente ed aggiungerei anche il Dott. Enzo Paliotta, siamo da sempre molto sensibili alle persone che loro malgrado si trovano ad affrontare la vita con difficoltà …”. Fin qui, prendo atto. Finalmente, penso, potrò accedere in piscina e potrò nuotare. Preparo il costume, l’accappatoio e attendo il momento fatidico. Trascorsi pochi giorni, ricevo una e-mail di segno del tutto opposto.

Mi si scrive: “… mi dispiace comunicarLe che, contrariamente a quanto comunicatoLe, ho deciso di non procedere per motivi di sicurezza e responsabilità, in quanto non abbiamo personale abilitato ad utilizzare tale attrezzatura”.

La risposta non l’ho capita per questo chiedo lumi a Lei Signor Sindaco Paliotta, visto che è stato chiamato in causa dal sottoscrittore della missiva. Ho letto da qualche parte che esisterebbe una convenzione tra il Comune di Ladispoli e la Concessionaria della piscina. La Società Concessionaria si impegnerebbe a realizzare in accordo con il Comune corsi di nuoto e di acquaticità per ‘ portatori di handicap’ che abbiano avuto tale indicazione dai terapeuti. Allora penso che, se la piscina offre tali corsi ‘per portatori di handicap’, il problema dell’entrata e dell’uscita dall’acqua, inerente alle persone con disabilità motoria è noto.

I motivi di sicurezza e responsabilità, dunque, dovrebbero essere impliciti in un tale impegno e nulla c’entrerebbe, a parere di chi scrive, invocarli a giustificazione del ripensamento all’acquisto del sollevatore per persone con disabilità motoria. Voglio dire, per ulteriore chiarezza, che se si accolgono persone con disabilità, è noto che la disabilità stessa, di per sé, è varia.

Ci sono persone con disabilità visiva, uditiva, motoria. E l’accessibilità dovrebbe essere garantita a tutti con consoni ‘percorsi’. Pertanto se un disabile motorio non può usare le scale dovrebbe avere una diversa opportunità di accesso e fruizione che potrebbe essere rappresentata da uno scivolo oppure da un sollevatore, altrimenti la persona con disabilità sarebbe nell’impossibilità di poter accedere e fruire dei benefici del nuoto. Se quindi si accolgono disabili per corsi di nuoto, tale accoglienza è omnicomprensiva e un disabile motorio deve poter accedere in vasca come qualsiasi altra persona e come qualsiasi altra persona con disabilità. Lo garantisce la Costituzione in primis.

Il mezzo può essere uno scivolo, un sollevatore, un elicottero, una gru, ma si deve poter accedere. Gentile Signor Sindaco, visto che è chiamato in causa nella missiva ricevuta, vorrei sapere direttamente da Lei cosa pensa dell’intera questione e se era a conoscenza della successiva decisione inoltratami.

Attendo e confido in una sua risposta.“

Paola Mauri

About Ruggero Terlizzi 2880 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it