8 dicembre 2016

WTA Katowice: inarrestabile Cibulkova, deludente Giorgi

A Katowice in Polonia si è disputata la finale del torneo WTA che ha visto protagoniste la tennista italiana, Camila Giorgi, numero 48 del ranking mondiale e la slovacca Dominika Cibulkova, numero 53. La Giorgi ha incontrato per la terza volta in carriera la Cibulkova, perdendo quest’ultimo match in due set con il risultato di 6-4 6-0, a differenza dei due passati incontri in cui aveva avuto la meglio sulla slovacca.

La tennista italiana, arrivata per la terza volta in finale nel torneo di Katowice senza mai vincere, non è stata all’altezza della sua avversaria e rispetto alle quattro partite precedenti, concluse con successo, la sua performance è stata lontana anni luce. La Cibulkova invece ha confermato di essere in grande forma giocando, in attacco a ritmo sostenuto, per tutta la partita e colpendo la palla da fondo campo, soprattutto con il diritto che trasformava, con facilità, in punti vincenti.

Da una parte la grande fiducia della tennista slovacca che ha alternato repentine accelerazioni ad improvvise variazioni del ritmo di gioco, dall’altra Camila che non è riuscita a contenere la sua avversaria sbagliando, forse per la troppa fretta, colpi di dritto e di rovescio che nelle giornate precedenti l’avevano accompagnata alla vittoria.

A nulla è bastata la reazione della maceratese che nel primo set, quando sul punteggio di 5-1 sembrava destinata a cedere il parziale, è riuscita a vincere tre giochi di seguito portandosi a 5-4, grazie ad un cambio di strategia che puntava sulla profondità delle risposte e sul gioco diagonale. Per la prima volta nel match, la granitica Cubrikulova ha perso fiducia ed ha sbagliato quattro servizi. Al decimo gioco Dominika ha ripreso la leadership della partita e, dopo aver annullato due palle break, ha concluso il primo parziale a suo favore (6-4).

Il secondo parziale ha fatto ben sperare per la Giorgi che, pur avendo perso il primo set, sembrava aver recuperato lucidità e la capacità di leggere la partita, invece dopo il primo punto a suo favore nel primo gioco, un potente rovescio lungolinea che ha spiazzato completamente l’avversaria, la tennista italiana si è eclissata ed ha subito, senza alcuna reazione, il gioco della Cibulkova che ha ritrovato una buona prima di servizio, spesso variata a seconda delle esigenze tattiche, e si è avviata a concludere il secondo set senza concedere neppure un punto all’italiana (6-0).