9 dicembre 2016

Motodays 2016: edizione sotto tono

L’ottava edizione del Motodays va in soffitta mentre resta, in me, il sapore amaro di una edizione che si è dimostrata al di sotto delle aspettative. I giorni precedenti la data di apertura, confesso, avevo tanta voglia di scoprire le meraviglie esposte negli stand della Fiera Roma.

Giunto all’ingresso, però, la prima avvisaglia che questa edizione non sarebbe stata come la desideravo l’ho avuta nella fase dell’accredito stampa. In altre fiere analoghe, l’accredito viene inviato via mail giorni prima ed è valido per tutta la durata dell’evento. Al Motodays, invece, quest’anno hanno deciso che bisogna non solo fare una bella fila (nell’epoca dove i biglietti dei voli intercontinentali sono visibili sullo smartphone….) ma occorre tenere in mente che l’accredito ha validità giornaliera; ok…..

Il prezzo di ingresso per gli utenti, poi, è di 16 euro; un papà con moglie e due figli a seguito, deve sostenere la modica spesa di 64 euro (se i figli hanno un’altezza contenuta nei 120 cm, 60 euro….). Il parcheggio ha un costo contenuto in soli 5 euro…. Vabbè, la passione è più forte della crisi, quindi forza, entriamo negli stand e…..

Si scopre che i marchi produttori dei nostri sogni su due ruote presenti sono affidati alle concessionarie, mentre mancano aziende come Piaggio, Aprilia, Moto Guzzi, Gilera, Quadro….In pratica gli espositori ufficiali si contano sulle dita di una mano. L’anno scorso tra produttori di moto, pneumatici, abbigliamento tecnico, accessori, non solo ad occhio, c’era un maggior coinvolgimento; quest’anno, così mi è sembrato, si è respirata un’aria all’insegna del meno peggio meglio è.

Grandi assenti, a mio avviso, sono stati i “customizzatori”; se le creature della Cafè Racer Napoli si sono rivelate graziose, ho ammirato poche moto interessanti; d’accordo la mia miopia, ma davvero non ho visto tante elaborazioni degne di nota. A fare bella mostra di sé, però, un bel “caldarrostaro”; ecco la sua presenza, non me ne vogliano gli organizzatori e lo stesso venditore di caldarroste, mi ha dato l’idea di essere ad una sagra paesana piuttosto che ad una fiera dalle ambizioni importanti.

Scimmiottare l’Eicma non serve sia perché le novità già sono state ampiamente illustrate, sia perché il Motodays se vuole davvero avere un futuro roseo deve guardare a tutto ciò che gira attorno alla moto. Il Motodays dovrebbe, secondo me, diventare il polo d’attrazione e esposizione di coloro che trasformano un prodotto di serie in qualcosa di unico. Un polo aperto a tutti gli elaboratori, anche delle quattro ruote.

Gli stand ci sono, perché non sfruttare lo spazio ed ottimizzare le risorse? Il tuning delle moto e delle auto potrebbe essere l’ingrediente “saporito” e fondamentale per trasformare una banale fiera in un qualcosa di eccezionale. Roma è non solo la capitale d’Italia ma anche il centro di una nazione dove la passione per i motori è enorme, con forti segnali di ripresa dei mercati; perché allora non investire nella scommessa di creare una fiera dove alla novità si accompagnano l’estro, la fantasia ed il genio italico che hanno reso il Made in Italy un desiderio mondiale? Non è mera questione di risorse economiche ma di volontà e idee.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.