10 dicembre 2016

Atrani, conservatorio di S. Rosalia, Quale futuro?

É uno degli ultimi Istituti Pubblici di Educazione Femminile ancora  presenti in Campania, assieme all’Istituto Martuscielli, l’Istituito  SS. Trinità e Paradiso di Vico Equense e l’Educandato Femminile di  Napoli, oltre che tra i più antichi. Si tratta del Conservatorio di S. Rosalia di Atrani, direttamente  dipendente dal Ministero dell’Istruzione per effetto del RD 29 giugno  1883, che ha sede presso l’ex convento abitato dalle suore benedettine  di Napoli.

Completamente abbandonato da oltre un decennio, il complesso  (10000 metri cubi tra struttura ampliata a inizio ‘900 e annessa chiesa  di S. Geltrude) si trova in condizioni di totale degrado strutturale,  oltre a non assolvere più a nessuna delle sue funzioni. Un patrimonio identitario, storico e culturale parte integrante della  vita del paese da più di 300 anni, lasciato morire quasi con  rassegnazione; stesso discorso per gli altri immobili nella  disponibilità dell’Ente, vista la fatiscenza in cui molti versano.

Viene spontaneo chiedersi: c’è ancora un futuro per il Conservatorio  di S. Rosalia, considerato il suo glorioso passato e il preminente  interesse pubblico che riveste, o dobbiamo accontentarci di assistere  passivamente al suo dissolvimento? La delibera di Consiglio Comunale dello scorso 19 gennaio vuole  provare a rispondere concretamente a questa domanda. Il Comune di  Atrani, attraverso questo atto, si è impegnato ad aprire un confronto  con i Ministeri coinvolti su un progetto condiviso che punti al  recupero, alla tutela e alla piena valorizzazione dello storico  complesso.

Il Ministero e l’attuale Cda hanno a cuore, allo stesso modo, il  futuro della struttura, considerato che lo Statuto prevede  espressamente la partecipazione del consiglio comunale cittadino alle  decisioni più importanti dell’Ente? Ci si augura che stavolta, a  differenza di quanto accaduto per il Contratto di Quartiere 2 (molti  ricorderanno le aspre polemiche che tennero banco per mesi… con i 6,5  milioni di euro volati via dalla finestra), il buon senso e la  lungimiranza consentano finalmente di restituire al territorio una  risorsa che, se ben gestita, potrà offrire al borgo enormi chance di  sviluppo.  L’Istituto, fondato nel lontano 1682 (testamento agli atti presso il  notaio Mattia Giaccio di Napoli attuato nel 1689, come riportato dallo  Statuto approvato dalla giunta municipale il 5 dicembre 1878), nasceva  allo scopo di provvedere all’avvio della vita monastica di figlie e  parenti dei fondatori, nonché all’educazione e all’istruzione di  fanciulle, anche povere, e orfanelle del Comune di Atrani. Una  finalità spiccatamente sociale destinata ad essere portata avanti,  così come nelle intenzioni dei suoi fondatori, presso la sede  dell’antico convento che, ancora oggi, domina la parte interna del  borgo.

Col tempo, anche attraverso l’impegno profuso dalle suore  benedettine di Napoli fin dal 1931, cresceva all’interno della  comunità atranese il peso sociale dell’Istituto, centro di attività  legate all’istruzione scolastica e alla formazione professionale e sede  di un orfanotrofio che ospitava orfanelli e bimbi provenienti da  famiglie “difficili”; non meno importante nella vita del paese era  il culto di S. Geltrude, venerata nella chiesetta del complesso  conventuale. Direttamente proporzionale è stata la crescita del patrimonio  immobiliare dell’Ente, divenuto sempre più cospicuo grazie a lasciti e  donazioni di benefattori; si tratta di immobili ad uso abitativo e non  la cui locazione ad abitanti del posto ha contribuito in maniera  importante a consolidare il “peso” dell’Ente, legandolo a doppio  filo alla vita, anche politica, del paese. Con RD del 1888 l’Istituto  è stato posto alla diretta dipendenza del Ministero della Pubblica  Istruzione. Abrogati i RD nel 2009, la normativa è confluita nell’art 204 del D  LGS 297/1994. In particolare, agli istituti è attribuita personalità  giuridica pubblica e sono sottoposti alla tutela degli Uffici  Scolastici Regionali, cui sono inviati gli atti e le deliberazioni dei  Cda; questi ultimi sono composti da un presidente e due consiglieri che  durano in carica tre anni, possono essere riconfermati e hanno la piena  gestione del patrimonio dell’ente, sia per quanto riguarda la sua  valorizzazione che l’assolvimento delle funzioni statutarie dello  stesso.

L’art. 2 comma 642 della legge finanziaria del 2008 (l.244/2007) ha  “tagliato” buona parte degli istituti (di cui al RD 2392/1929 e  alle tabelle annesse al RD 1312/1931) che abbiano esaurito lo scopo o  non risultino più idonei ad assolvere la funzione educativa e  culturale cui sono destinati; il DM previsto nella disposizione citata  non è stato emanato, lasciando però perplessi i giuristi sia per la  forma che per la sostanza della norma. Come può un istituto del genere  esaurire la propria funzione? Il problema, per come si pone, riguarda  forse quello complessivo della valutazione dell’intero sistema  dell’Istruzione pubblica. Resta da chiarire, inoltre, la questione dell’indisponibiltà dei beni  patrimoniali immobili: nel caso del Conservatorio, risultano  indisponibili per lo Stato o per l’Ente stesso? Una questione giuridica  non di poco conto, che potrebbe rivelarsi decisiva per il futuro  dell’ex complesso conventuale.

L’attuale Cda del Conservatorio di S. Rosalia, nominato con decreto  del Ministero della Pubblica Istruzione n.968 24.12.2014 e per la prima  volta composto non da persone del territorio, ha accettato l’incarico  solo nello scorso mese di ottobre; un’indecisione forse figlia dei  tanti aspetti poco chiari che continuano ad accompagnare la gestione  economica e funzionale dell’Ente: sede storica in condizioni di totale  abbandono e degrado, funzione educativa del tutto smarrita, bilanci  introvabili e non pubblicati nemmeno sul sito istituzionale (creato da  poco e soltanto dopo ripetute ed esplicite richieste del Comune di  Atrani in ossequio al D.lgs. 33 del 2010 circa l’accesso civico), un  patrimonio non inventariato ufficialmente, una costante situazione di  deficit che non consente la ristrutturazione degli immobili in buona  parte fatiscenti. Ultimo, ma decisivo, l’occhio della Corte dei Conti  sulle passate gestioni che ipotizza il danno erariale.

Una situazione resa ancora più complessa dal debito di circa 100.000  euro nei confronti del Comune di Atrani, oltre a contenziosi di diversa  natura, che amplifica gli errori del passato e spinge a riconsiderare  gli equilibri tra i due Enti. Recupero, tutela, salvaguardia e  valorizzazione: ecco gli obiettivi che l’Amministrazione vuole  raggiungere, giocando un ruolo attivo nella valorizzazione di un  complesso dalle enormi potenzialità mai messe a frutto. Perché se ancora esiste un futuro per il Conservatorio di S. Rosalia,  un unicum in tutta la Costiera, non può essere slegato da quello di  Atrani. E non può più prescindere dall’intervento amministrativo  locale, deciso ad operare secondo quell’interesse pubblico non  (pienamente) rintracciabile nelle azioni e nelle intenzioni del recente  passato. Se c’è davvero la volontà unanime di restituire al  territorio una risorsa di così ampia portata, questa è forse l’ultima  chiamata per metterla in atto.