Archeologia industriale, mostrare il museo: l’allestimento della centrale Montemartini

03/03/2010 Roma. La Centrale Montemartini

 

Ad aprire il ricco e variegato calendario del mese di marzo di Educare alle mostre educare alla città, iniziativa di Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, sarà l’incontro MOSTRARE IL MUSEO: L’ALLESTIMENTO DELLA CENTRALE MONTEMARTINI, il prossimo lunedì 1 marzo 2016, ore 16.00, a cura di Francesco Stefanori, cui seguirà una visita guidata attraverso le sale del Museo.

Tra gli allestimenti museografici più recenti, il caso della Centrale Montemartini è esemplare sotto diversi  aspetti, specialmente per la valorizzazione di uno spazio di archeologia industriale e la trasformazione di un’esposizione provvisoria in collezione permanente.

Nel 1997, in occasione della ristrutturazione di ampi settori dei Musei Capitolini, si decise il trasferimento temporaneo nell’ex  Centrale termoelettrica di numerosi capolavori della scultura antica e di preziosi manufatti rinvenuti negli scavi della fine dell’Ottocento e degli anni Trenta del 1900. Venne così allestita una mostra dal titolo “Le macchine e gli dei“, accostando due mondi diametralmente opposti come l’archeologia classica e l’archeologia industriale. Lo splendido spazio museale, inizialmente concepito come temporaneo, in occasione del rientro di una parte delle sculture in Campidoglio nel 2005, alla conclusione dei lavori di ristrutturazione, è stato confermato come sede permanente delle collezioni di più recente acquisizione dei Musei Capitolini. Nei suoi spazi continua il lavoro di sperimentazione di nuove soluzioni espositive collegato alla ricerca scientifica sui reperti; l’accostamento di opere provenienti da uno stesso contesto consente anche di ripristinare il vincolo tra il museo e il tessuto urbano antico.

FRANCESCO STEFANORI

architetto, dal 1981 al 2012 ha lavorato presso la Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, dove è stato responsabile dell’Ufficio Allestimenti Museali e ha realizzato  numerosi allestimenti di mostre sia archeologiche che di arte contemporanea, oltre a  ristrutturazioni e allestimenti museali, tra cui il Museo di Sculture Antiche all’ex Centrale Elettrica G. Montemartini, la Galleria Lapidaria nella Galleria di Congiunzione dei Musei Capitolini, il Museo Bilotti nell’Aranciera di Villa Borghese, le Sale della scultura romana  nei Musei Capitolini, il primo lotto lavori del MACRO, il nuovo basamento per il monumento equestre del Marco Aurelio in Campidoglio, i Musei di Villa Torlonia (Casina delle Civette, Casino Nobile, Casino dei Principi), la Galleria Comunale d’Arte Moderna di Roma Capitale in via Francesco Crispi.
Ha svolto incarichi di docenza presso la Luiss Business School, l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Dipartimento Architettura e Progetto, Facoltà di Architettura a Valle Giulia,  l’Italian Academy della Columbia University di New York. Ha collaborato con i Musei Vaticani per allestimenti di mostre. Ha inoltre partecipato a convegni sul tema degli Allestimenti museali. Ha al suo attivo circa 200 progetti di allestimento di mostre e 12 progetti di allestimenti museali, di cui ha curato anche la Direzione Lavori. 

loading...
Informazioni su Emanuele Bompadre 9594 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.