4 dicembre 2016

Chirurgia estetica, una “cosa da uomini”

È stata sdoganata da un po’. La chirurgia estetica, infatti, non è più solo una “questione da donne”, sono sempre più numerosi gli uomini che vi fanno ricorso per “ritrovare se stessi” o costruire – insieme al chirurgo plastico – l’immagine di sé che hanno sempre desiderato.

Uomini e chirurgia estetica, quando vi fanno ricorso

La chirurgia estetica per gli uomini è un fenomeno in aumento, lo testimoniano anche dati recenti. Le aree del corpo più interessate sono soprattutto petto e addome. Negli Usa, ad esempio, secondo i dati relativi al 2014 diffusi dalla Società americana di Chirurgia plastica, negli ultimi anni si è registrato un vero e proprio boom di interventi finalizzati all’impianto di protesi pettorali. Per la ginecomastia, invece, l’intervento finalizzato alla riduzione del seno negli uomini, si è registrato un incremento del 30 per cento tra il 2000 e il 2014.

La chirurgia maschile in Gran Bretagna e in Italia

In calo, invece, gli interventi di chirurgia estetica maschile in Gran Bretagna. Nel 2014, infatti, questa tipologia di interventi ha registrato un importante calo del 15 per cento. l’Italia, invece, segue il trend statunitense e vede aumentare il ricorso alla chirurgia estetica da parte degli uomini. È quanto emerge dai dati diffusi dalla Sicpre, la Società italiana di Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica. Molto gettonati gli interventi per la correzione della ginecomastia, delle cosiddette maniglie dell’amore e dell’addome. Tra gli interventi più richiesti dagli italiani, però, c’è sempre quello che può essere considerato un grande classico: l’autotrapianto di capelli.

Trapianto capelli, il sogno di 4 mila italiani

Nel 2014, secondo i dati più recenti della Associazione Italiana chirurgia plastica estetica, sono stati ben 4mila gli italiani che hanno scelto di sottoporsi a un intervento di chirurgia estetica per non arrendersi all’avanzata della calvizie. Il trapianto di capelli ha conosciuto un vero e proprio boom, in Italia, intorno agli anni 2000 ma i dati sembrano confermare che non si è ancora arrestata la tendenza a considerarlo uno dei rimedi più immediati ed efficaci. In realtà non è così perché questa tipologia di intervento, con i progressi della medicina e il passare del tempo, ha dimostrato di avere più di un limite. Molto varia l’età dei soggetti, soprattutto di sesso maschile, che ha scelto di percorrere questa strada per ritrovare, nello specchio, l’immagine di sé più rassicurante e in linea con le proprie aspettative. Gli interventi, infatti, sono stati eseguiti su soggetti di età compresa tra i 20 e i 60 anni.

I limiti dell’autotrapianto e le nuove opportunità offerte dalla scienza

Ma l’autotrapianto offre davvero una soluzione definitiva alla calvizie? Purtroppo non è così. L’autotrapianto di capelli, come dimostrano anche gli studi condotti all’interno del laboratori Hair Clinic, clinica specializzata nella cura e nella salute dei capelli, non rappresenta in alcun modo una soluzione definitiva a problema. L’intervento chirurgico, infatti, si limita a coprire un inestetismo, dando sì la provvisoria sensazione di aver ottenuto una risposta concreta alla problematica, ma con importanti effetti negativi a posteriori. Primo tra tutti la possibilità, molto concreta, di una ricaduta.

I bulbi indeboliti, infatti, possono essere soggetti a ricadute, con il riapparire della calvizie proprio nelle aree interessate dall’intervento chirurgico. L’autotrapianto, inoltre, può richiedere la necessità di diversi interventi prima di dirsi terminato e non è adatto a tutti. Soggetti che soffrono di particolari patologie, come forme di allergia che interessano il cuoio capelluto, non possono sottoporsi all’autotrapianto.

In questi casi cosa è possibile fare?

La soluzione concreta arriva, invece, dalla medicina rigenerativa che, attraverso il ricorso alle cellule staminali, consente di riattivare bulbi erroneamente considerati inattivi con risultati davvero importanti. Si tratta di un innovativo approccio al problema, promosso da Hair Clinic, che parte dall’analisi dettagliata delle cause della calvizie e arriva a offrire soluzioni specifiche per i singoli casi.