7 dicembre 2016

Lucio Battisti: “emozioni” da leggere

Nonostante sia  trascorso quasi un ventennio dalla sua scomparsa l’interesse verso Lucio Battisti non mostra cedimenti e lo dimostra  l’ennesimo lavoro, sul cantante di Poggio Bustone, che va ad arricchire la lunga bibliografia esistente.
Lo scrittore, Alfonso Leo, ripercorre la carriera del musicista attraverso l’analisi dei suoi dischi con un’ articolata attività di documentazione ma soprattutto non viene trascurata, come spesso accaduto in passato, la fase relativa alla collaborazione con lo scrittore Pasquale Panella,  quella più controversa, più personale, soventemente snobbata con
uno sguardo diverso , dove la prospettiva sembra capovolta e già il disegno di copertina evidenzia una precisa scelta di campo, con l’inequivocabile richiamo ai “dischi bianchi”, quelli appunto della discussa attività sperimentale. Ad emergere è l’uomo, ancora più dell’autore, che del tutto incurante delle regole del mercato, dell’aspettative del pubblico e delle riserve della critica non esita a “bruciare” il proprio mito pur di assecondare la propria ricerca musicale, la sua libertà.
Atteggiamento, questo, che emerge già nella prima fase della carriera, dove Battisti appare  del tutto insensibile alle mode e ideologie del momento, epoca in cui le canzoni erano impregnate di contenuti sociali, politici, e chiunque  si tirava fuori veniva declassato negli inferi della musica di consumo, commerciale.
Battisti e Mogol, tutt’altro che inclini a mettere la propria arte a servizio di una bandiera,. al contrario di tanti colleghi cd. “impegnati”, seguirono il loro percorso del tutto indifferenti alle suggestioni del tempo ed ai severi
giudizi dei media più interessati a  tramandare  un’immagine del cantante commerciale, nazional-popolare che ad evidenziare i tratti più ostici, complessi di un musicista dedito alla sperimentazione e che ha asservito la propria attività  ad un solo comando: la  libertà creativa.
Lucio Battisti: “non strizzò l’occhio e chiuse il mondo fuori” di  Alfonso Leo, edito da Calabria Letteraria,  facilmente reperibile on-line o su richiesta presso le principali librerie.