6 dicembre 2016

Futsal – Serie A2, Futsal Isola, decide Emer il derby romano contro l’Olimpus

 

Il brasiliano si ripete e come all’andata lascia il segno. La stracittadina si colora ancora di arancioverde. In A2 la squadra di Fiumicino mantiene il primo posto a +6 dal Bisceglie secondo

La vera ‘tassa’ si chiama Rodrigo Emer. Il brasiliano decide ancora una volta il derby romano e ‘purga’ una grandissima Olimpus dopo una partita tiratissima giocata sempre a mille all’ora. Al PalaOlgiata è uno spettacolo: pubblico delle grandi occasioni, con i 150 supporters Oranje che colorano lo spicchio ospite. La spunta la Banda Angelini, brava e cinica a sfruttare un erroraccio di Beto che a due dal termine spiana la strada ad Emer freddissimo a bucare l’ex Leofreddi in uscita kamikaze. Due a uno Futsal Isola. Decima vittoria di fila e +6 dal Bisceglie secondo della classe.

LA PARTITA Angelini deve fare ancora una volta a meno di Moreira alle prese con una pubalgia che non gli lascia tregua. Per il resto la formazione è quella, con Gentile, Lutta, Mentasti, Djelveh, Arribas, Rubei, Zoppo, Basile, Papu, Marcelinho, Mazzuca ed Emer. Ranieri con l’imbarazzo della scelta. In campo vanno Leofreddi, Osni Garcia, Del Ferraro, Velasquez, Borsato, Marchetti, Leandrinho, Beto, Butnaru, Di Ponto, Medici, Di Eugenio.

PRIMO TEMPO L’Isola parte meglio e gira palla. L’Olimpus se ne sta lì e va di rimessa. La prima azione è Oranje: Papu per Mentasti che incoccia il palo esterno. L’Isola spinge. Marcelinho dal limite prova il sinistro che Papu devìa con il tacco a un metro da Leofreddi: miracolo del portierone di casa. Il gol arriva al sesto: punizione dal limite, Marcelinho con il sinistro trova l’unico pertugio possibile. Zero-uno. Il vantaggio dura appena sessanta secondi: Leofreddi lancia lungo per Borsato che aggancia in area Oranje, si gira e fa secco Basile. Uno a uno. Si gioca a mille. Ancora Marcelinho per Emer che da due passi incoccia il palo con Leofreddi che copre la porta con le gambe. Zoppo sulla sinistra va a duemila, tiro d’esterno destro che sfiora il palo alla sinistra di Leofreddi. L’Olimpus in avanti si vede poco, Basile è sicuro e sbroglia tutto. Leofreddi deve fare gli straordinari e a due dal termine è ancora una volta miracoloso su Papu. Sulla ripartenza Beto ha un’occasionissima: Basile c’è.

SECONDO TEMPO l’Isola riparte a manetta. Mentasti per Marcelinho che si libera: piattone che sfiora il palo. L’Olimpus è pericolosa con Osni Garcia: tiraccio da fuori che Basile devìa con la manona aperta in angola. La Banda Angelini va vicino al vantaggio al dodicesimo: Lutta serve un cioccolatino a Rubei che con uno scavetto supera Leofreddi. Palla che incoccia prima la traversa e poi si ferma sulla linea. L’Isola preme: ennesima imbucata, stavolta per Marcelinho che prova a superare Leofreddi. Il portierone di casa fa muro con il corpo. L’Olimpus si rivede ancora con Borsato: Basile con il piedone la mette fuori. La svolta arriva a due dal termine: lancione per Emer, Beto scivola e lascia campo al brasiliano che a tu per tu con Leofreddi non sbaglia. Uno-due e delirio Oranje. Ranieri prova il portiere di movimento. Beto ha il pallone del pari ma da due passi calcia alle stelle. Finisce lì. Il derby va ancora alla Futsal Isola.

Il brasiliano si ripete e come all’andata lascia il segno. La stracittadina si colora ancora di arancioverde

La vera ‘tassa’ si chiama Rodrigo Emer. Il brasiliano decide ancora una volta il derby romano e ‘purga’ una grandissima Olimpus dopo una partita tiratissima giocata sempre a mille all’ora. Al PalaOlgiata è uno spettacolo: pubblico delle grandi occasioni, con i 150 supporters Oranje che colorano lo spicchio ospite. La spunta la Banda Angelini, brava e cinica a sfruttare un erroraccio di Beto che a due dal termine spiana la strada ad Emer freddissimo a bucare l’ex Leofreddi in uscita kamikaze. Due a uno Futsal Isola. Decima vittoria di fila e +6 dal Bisceglie secondo della classe.

LA PARTITA Angelini deve fare ancora una volta a meno di Moreira alle prese con una pubalgia che non gli lascia tregua. Per il resto la formazione è quella, con Gentile, Lutta, Mentasti, Djelveh, Arribas, Rubei, Zoppo, Basile, Papu, Marcelinho, Mazzuca ed Emer. Ranieri con l’imbarazzo della scelta. In campo vanno Leofreddi, Osni Garcia, Del Ferraro, Velasquez, Borsato, Marchetti, Leandrinho, Beto, Butnaru, Di Ponto, Medici, Di Eugenio.

PRIMO TEMPO L’Isola parte meglio e gira palla. L’Olimpus se ne sta lì e va di rimessa. La prima azione è Oranje: Papu per Mentasti che incoccia il palo esterno. L’Isola spinge. Marcelinho dal limite prova il sinistro che Papu devìa con il tacco a un metro da Leofreddi: miracolo del portierone di casa. Il gol arriva al sesto: punizione dal limite, Marcelinho con il sinistro trova l’unico pertugio possibile. Zero-uno. Il vantaggio dura appena sessanta secondi: Leofreddi lancia lungo per Borsato che aggancia in area Oranje, si gira e fa secco Basile. Uno a uno. Si gioca a mille. Ancora Marcelinho per Emer che da due passi incoccia il palo con Leofreddi che copre la porta con le gambe. Zoppo sulla sinistra va a duemila, tiro d’esterno destro che sfiora il palo alla sinistra di Leofreddi. L’Olimpus in avanti si vede poco, Basile è sicuro e sbroglia tutto. Leofreddi deve fare gli straordinari e a due dal termine è ancora una volta miracoloso su Papu. Sulla ripartenza Beto ha un’occasionissima: Basile c’è.

SECONDO TEMPO l’Isola riparte a manetta. Mentasti per Marcelinho che si libera: piattone che sfiora il palo. L’Olimpus è pericolosa con Osni Garcia: tiraccio da fuori che Basile devìa con la manona aperta in angola. La Banda Angelini va vicino al vantaggio al dodicesimo: Lutta serve un cioccolatino a Rubei che con uno scavetto supera Leofreddi. Palla che incoccia prima la traversa e poi si ferma sulla linea. L’Isola preme: ennesima imbucata, stavolta per Marcelinho che prova a superare Leofreddi. Il portierone di casa fa muro con il corpo. L’Olimpus si rivede ancora con Borsato: Basile con il piedone la mette fuori. La svolta arriva a due dal termine: lancione per Emer, Beto scivola e lascia campo al brasiliano che a tu per tu con Leofreddi non sbaglia. Uno-due e delirio Oranje. Ranieri prova il portiere di movimento. Beto ha il pallone del pari ma da due passi calcia alle stelle. Finisce lì. Il derby va ancora alla Futsal Isola.