5 dicembre 2016

Roma – Emergenza pronto soccorso, Barillari, M5S: “Zingaretti racconta balle, il suo è marketing politico”

Davide Barillari, consigliere del Movimento 5 Stelle in Regione Lazio, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Genetica oggi”, condotta da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito all’emergenza affollamento nei pronto soccorso del Lazio.

“Non serve assolutamente sprecare, come ha fatto Zingaretti, 33 milioni di euro per ristrutturare i pronto soccorso, senza risolvere nulla –ha affermato Barillari-. Abbiamo identificato alcune cause prettamente organizzative nella gestione del paziente, che si possono risolvere senza spendere un euro. Non è solo il problema di mancanza di personale o di carenza di posti di letto come racconta Zingaretti, noi pensiamo sia un problema di inefficienza nella gestione degli accessi”.

“Zingaretti ha raccontato un sacco di frottole –ha proseguito Barillari-. Aveva promesso, prima dell’inizio del Giubileo, 167 nuovi operatori per affrontare in prima linea l’emergenza pronto soccorso, ma invece non si è visto nessuno. Mancano risorse fondamentali, ma basterebbe soltanto organizzare meglio quelle che già ci sono, senza fare strane promesse elettorali come fanno il Pd e Zingaretti. Gli investimenti sono stati grossi a livello economico, ma sono andati tutti in direzione di una ristrutturazione a livello puramente estetico.  Ma a livello organizzativo siamo fermi a 10 anni fa. Sono operazioni di marketing politico che non risolvono i problemi. I problemi strutturali cronici della sanità laziale non si vogliono affrontare perché non si vogliono rompere questi equilibri di potere tra lobby mediche e lobby infermieristiche e rapporto tra pubblico e privato. Vogliamo verificare se i soldi stanziati siano stati utilizzati per migliorare gli ospedali o se invece se li sono spartiti dirigenti, parenti e amici degli amici”.

Fonte: Radio Cusano Campus