8 dicembre 2016

Papa all’Angelus: Chiesa con tante macchie e rughe, ma resta madre

Per celebrare in modo proficuo il Natale Papa Francesco ci invita a riflettere sui “luoghi” dello stupore nella vita quotidiana. Il primo è “l’altro”, nel quale riconosciamo il fratello, perché da quando Gesù è nato, ogni volto porta le sembianze di Dio:

“Soprattutto quando è il volto del povero, perché da povero Dio è entrato nel mondo e dai poveri, prima di tutto, si è lasciato avvicinare”.

“La storia” è, poi, un altro luogo dello stupore, ma a patto di guardarla attraverso la lente della fede. Tante volte, infatti, ammonisce il Papa, rischiamo di leggerla alla rovescia e ci sembra determinata dall’economia di mercato, dalla finanza e dagli affari, dominata dai potenti di turno:

“Il Dio del Natale è invece un Dio che ‘scombina le carte’: Gli piace farlo. Come canta Maria nel Magnificat, è il Signore che rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili, ricolma di beni gli affamati e rimanda i ricchi a mani vuote”.

Infine “la Chiesa”, che non va solo considerata come istituzione religiosa, ma sentita come una madre che nonostante “macchie e rughe” – “ne abbiamo tante”, constata Francesco – è la sposa amata e purificata da Cristo Signore e sa riconoscere i segnali d’amore che Dio le invia continuamente. Una Chiesa per cui Gesù non è un “possesso da difendere gelosamente”: coloro che lo fanno – aggiunge – sbagliano; ma una Chiesa che chiama il Signore:

“La Chiesa madre che sempre ha le porte spalancate e le braccia aperte per accogliere tutti. Anzi, la Chiesa madre che esce dalle proprie porte per cercare con sorriso di madre tutti i lontani e portarli alla misericordia di Dio. Questo è lo stupore del Natale”.

La riflessione del Santo Padre è partita dal Vangelo della quarta domenica d’Avvento, che ci propone il racconto della visita di Maria a Elisabetta, la cugina che non poteva avere figli ma che era già al sesto mese di gravidanza, come aveva annunciato l’angelo Gabriele. Ed è proprio la figura di Maria che Papa Francesco pone in evidenza: lei, che ha già concepito nella fede il Figlio di Dio, affronta un lungo viaggio per assistere la parente, portando con sé un dono ancora più grande:

“Nell’incontro tra le due donne – immaginatevi: una anziana e l’altra giovane, è la giovane, Maria, che per prima saluta. Il Vangelo dice così: ‘Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta’. E, dopo quel saluto, Elisabetta si sente avvolta da grande stupore – non dimenticatevi questa parola: stupore. Lo stupore. Elisabetta si sente avvolta da grande stupore che risuona nelle sue parole: ‘A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?’”.

Ed è con la stessa gioia e lo stesso stupore di Maria che siamo chiamati ad accogliere la nascita di Gesù, “il dono dei doni”, regalo immeritato che ci porta la salvezza:

“Ci aiuti Lei a percepire lo stupore – questi tre stupori: l’altro, la storia e la Chiesa – così per la nascita di Gesù, il dono dei doni, il regalo immeritato che ci porta la salvezza. L’incontro con Gesù farà sentire anche a noi questo grande stupore. Ma non possiamo avere questo stupore, non possiamo incontrare Gesù se non lo incontriamo negli altri, nella storia e nella Chiesa”.

Dopo la recita dell’Angelus, il Santo Padre ha salutato, tra gli altri, le famiglie legate “nella speranza e nel dolore” all’Ospedale Bambino Gesù:

“Cari genitori, vi assicuro la mia vicinanza spirituale e vi incoraggio a continuare il vostro cammino di fede e di fraternità”.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.