11 dicembre 2016

Roma – Calcio e pregiudizi, l’ANDDOS chiede smentite al presidente Tavecchio della Figc

 

Nuove polemiche travolgono il presidente Carlo Tavecchio della FIGC a seguito di un colloquio dello scorso giugno con il quotidiano online Soccerlife: parlando con il direttore della testata Massimiliano Giacomini, il numero uno della Federcalcio si sarebbe lasciato scappare dei commenti personali contro gli ebrei e contro gli omosessuali.

L’ANDDOS, il più grande movimento italiano Lgbti con oltre 150.000 associati, con profonda indignazione stigmatizza tutto l’episodio, auspicando che il presidente Tavecchio possa smentire con i fatti le accuse di antisemitismo ed omofobia a lui attribuite dal direttore del giornale online.

Non possiamo continuare a vivere in un mondo senza rispetto: è fondamentale che lo sport, attraverso una cultura dell’integrazione soprattutto tra i giovani, possa essere un valido strumento educativo di valori nella lotta contro razzismo, xenofobia, discriminazione, omofobia per abbattere il pericoloso muro dei pregiudizi e delle discriminazioni. Il senso delle frasi attribuite al presidente della FIGC ci lascia sgomenti se risulterà veritiero, pensando a quanto possano sentirsi vessati e discriminati i tanti atleti omosessuali di tutte le discipline sportive, con particolare riferimento a tutti i giovani che non riescono a vivere serenamente ed apertamente la propria identità sessuale – afferma il presidente nazionale Mario Marco Canaleauspichiamo pertanto che il presidente Tavecchio smentisca categoricamente, non a parole ma con fatti concreti, queste accuse a lui rivolte dal quotidiano online, costruendo  una strategia d’intervento sociale mirata alla valorizzazione delle diversità, incontrando ad esempio rappresentative sportive gayfriendly. Siamo consapevoli di quanto lavoro ci sia ancora da compiere, anche nel mondo dello sport, per contrastare la piaga dell’omofobia: occorrono progetti seri ed efficaci per contrastare pregiudizi, intolleranze, discriminazioni e bullismo. Siamo disponibili a collaborare, oltre con CONI e FIGC , anche con tutte le Istituzioni per studiare ed attuare insieme interventi mirati per educare alle differenze, soprattutto con iniziative formative ed educative nel mondo sportivo giovanile”.

 

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.