5 dicembre 2016

Focus economia ed investimento, il punto sui Buoni Fruttiferi Postali

buono-fruttiferoTutti coloro che attualmente desiderano investire i propri risparmi cercano di delucidare le loro idee riguardo i metodi di risparmio più efficaci pur di non perdere il proprio denaro.

È corretto analizzare, ogni qual volta si debba fare un investimento tutte le varie opzioni che il mercato propone per evitare di ritrovarsi incamminati su strade sbagliate, che non rispecchiano le proprie esigenze. Spesso la scarsa informazione e l’azione, a volte distruttiva, dei media, i quali propongono quelli che sono per loro i piani più vantaggiosi, rischiano di mandare fuori strada il risparmiatore. Per questi motivi è indispensabile assicurarsi di selezionare la soluzione più sicura, affidabile e in grado di infondere fiducia, soprattutto nei casi in cui sono protagonisti i vostri interessi.

Zero rischi: Poste Italiane

Lo scopo di questo articolo è proporre una delle soluzioni più sicure messa in campo da Poste Italiane: i buoni fruttiferi postali. Si tratta di una prospettiva in qualche modo storica, nota a tanti, che conserva ancora oggi una certa efficacia e desta una buona fiducia nei risparmiatori. Soprattutto se non si è molto esperti, investire in BFP può rappresentare una soluzione accettabile per trovare il giusto compromesso tra redditività e garanzia di risultato.

Cosa sono e quali benefici e svantaggi presentano i buoni fruttiferi postali? Risponderemo, passo dopo passo, nel corso dell’articolo ma prima cerchiamo di stabilire di che cosa si tratta. Come ci confermano gli esperti di Affari Miei, i buoni fruttiferi postali costituiscono il risparmio postale e sono dei veri e propri investimenti finanziari. Sono garantiti dallo Stato, ma emessi da Cassa Depositi e Prestiti e dunque è difficile mettere in discussione l’affidabilità presentata. I Bfp possono essere dematerializzati o presentati sotto forma cartacea: quest’ultima modalità è quella tradizionale mentre la via dei buoni dematerializzati è quella più “moderna”, adatta a chi preferisce gestirsi il portafoglio comodamente da casa tramite l’internet banking.

Le tipologie in cui si suddividono sono piuttosto numerose, noi analizzeremo esclusivamente le caratteristiche generali per avere un’infarinatura delle prospettive attualmente disponibili.  Enunciamo, a questo punto, alcuni dei vantaggi che i Bfp presentano:

  • Possono essere sottoscritti partendo da minimi importi;
  • Non sono di difficile comprensione;
  • Non hanno costi di gestione;
  • Non è necessario aggiungere nulla al capitale investito né per l’emissione né per il rimborso;
  • Il denaro può essere riscosso in qualsiasi momento lo si desidera, senza togliere nulla dalla somma investita inizialmente;
  • Godono di agevolazione fiscale;

Nella valutazione complessiva, comunque, è il caso di citare anche qualche contro che può derivare dalla sottoscrizione dei BFP:

  • Basso rendimento, infatti coloro che sono interessati a ricavare alti tassi di interesse non scelgono, molto probabilmente, la strada dei buoni fruttiferi postali;
  • Bassa possibilità di poter ottenere denaro in tempi brevi, non a caso i Bfp sono particolarmente ideali per coloro che aspirano a ricavare massima sicurezza, e sono meno esigenti in termini di interessi.

Conclusioni: una scelta adeguata a chi non si sente molto sicuro

Volendo concludere possiamo consigliare, nuovamente, di prestare molta attenzione quando si seleziona un determinato metodo di risparmio, per evitare di incassare spiacevoli delusioni e perdere i propri soldi. Se non si ha tempo e voglia di studiare a lungo e non ci si vuole dissanguare in consulenze profumatamente remunerate agli esperti, la scelta dei buoni fruttiferi postali può essere intelligente per mirare a consolidare quanto si è guadagnato con il duro lavoro. Nella strategia complessiva di diversificazione conviene sempre comprare una quota di BPF perché si minimizzano i rischi e si può gestire nel breve periodo il tutto con la possibilità anche di ottenere senza penali quanto è stato destinato su questo strumento finanziario. Un fatto, questo, da non sottovalutare vista l’incertezza di questi tempi.