7 dicembre 2016

Incidenti in piscina: come evitarli

Le piscine sono uno dei luoghi migliori in cui curare il nostro benessere fisico e mentale. La pratica del nuoto viene ormai da anni consigliata da tutti gli specialisti, sia per quanto riguarda i bambini, che per quanto riguarda gli adulti. Non solo questo sport risulta essere molto completo, ma, il fatto che si svolga in ambiente acquatico lo rende assolutamente non traumatico: ciò significa che anche chi soffre di problemi particolari, come quelli articolari, può dedicarsi a questa attività in tutta tranquillità.
Restare a mollo in una vasca o nuotare dolcemente ha anche un effetto distensivo e rasserenante sulla nostra psiche: dopo una bella nuotata ci si sentirà rigenerati nel corpo e nelle spirito.

Dedicarsi a questa attività sembrerebbe, dunque, essere una scelta molto opportuna. D’altra parte, anche se i vantaggi che una piscina è in grado di offrire sono molti, non vanno trascurati i pericoli a cui essa può esporci.
Cerchiamo di capire insieme quali sono i rischi più o meno gravi che possono celarsi in questi ambienti, analizzando due situazioni diverse: quella della piscina domestica, ad uso privato, e quella delle piscine pubbliche presenti nei centri sportivi.

Piscine private

Possedere una piscina da giardino o da terrazzo può essere motivo di grande soddisfazione. Potersi concedere un bel bagno rinfrescante ogni qualvolta lo si desideri è certamente invidiabile.
Tuttavia, è importante adottare le giuste misure di prevenzione ed i corretti comportamenti per evitare che questo sogno si trasformi in un incubo.
In primis, è fondamentale assicurarsi di utilizzare una struttura di qualità. Se il progetto di costruire una piscina domestica è ancora in cantiere, il consiglio è quello di informarsi attentamente, così da essere in grado di scegliere il modello più sicuro, efficiente e resistente. Oggi la scelta migliore, per vasche interrate e non, è rappresentata dalle piscine in acciaio inox. Per approfondire le qualità degli impianti in acciaio ed i motivi per cui sceglierli è possibile leggere la mini guida dedicata alle piscine in acciaio inox sul sito di uno degli installatori più all’avanguardia in questo settore.
Anche una piscina realizzata nel pieno rispetto delle norme e degli standard di sicurezza può riservare dei pericoli. Il maggiore fattore di rischio nelle piscine private, è l’assenza di assistenza e sorveglianza: una caduta accidentale in acqua o un malessere mentre si sta nuotando, possono avere conseguenze molto gravi se nelle vicinanze non è presente nessuno che possa soccorrerci.
Per affrontare questi problemi è opportuno provvedere alla sistemazione di una recinzione di sicurezza ed eventualmente anche di una copertura per la piscina. L’installazione di questi elementi minimizza il rischio di cadere in acqua da parte di bambini, persone poco abili nel nuoto ed animali domestici.
Altri accorgimenti possono essere quello di posizionare le scalette per l’uscita dall’acqua in più punti e quello di installare un telefono nelle immediate vicinanze della piscina. In caso di incidenti sarà così possibile allertare i soccorsi senza sprecare neppure un attimo.

Piscine pubbliche

Nei centri sportivi e nelle piscine pubbliche, la presenza di bagnini e personale di assistenza è certamente in grado di garantire una maggiore sicurezza.
Ciò non vuol dire che i rischi, comunque sempre connessi con l’acqua, possano essere sottovalutati. Entrare in piscina subito dopo aver consumato un pasto espone al noto rischio di congestione, che, anche in assenza del pericolo di annegamento sottopone il fisico ad un enorme stress.
Il comportamento presso queste strutture deve essere attento e misurato. Soprattutto per quanto riguarda i più piccoli, giochi e corse a bordo piscina possono essere causa di brutte cadute.
È importante utilizzare l’attrezzatura messa a disposizione dal centro sportivo in maniera attenta e responsabile: i trampolini per i tuffi possono sembrare degli strumenti divertenti e di facile utilizzo, ma per i non esperti si rivelano invece molto insidiosi.

Un capitolo a parte, che interessa in maniera particolare le piscine pubbliche, è quello dell’igiene. La presenza di ambienti molto umidi unita al fatto che questi luoghi sono frequentati da molte persone, favorisce la diffusione di diversi tipi di infezioni. Anche se le contromisure prese da ogni buon gestore, in questo senso, sono numerose, è bene rispettare sempre alcune regole basilari:

– indossare ciabattine personali quando si è fuori dall’acqua, sia a bordo piscina che negli spogliatoi, per evitare le micosi;

– evitare di ingerire l’acqua della piscina, che può contenere batteri in grado di causare gastroenteriti;

– lavarsi sempre in maniera accurata prima e dopo ogni bagno.

In conclusione, le insidie presenti in piscina possono essere molte e solo un comportamento davvero attento e responsabile potrà permetterci di godere di tutti i benefici del nuoto, senza preoccuparci delle possibili conseguenze negative.