7 dicembre 2016

La carità pelosa della Merkel

German Chancellor and chairwoman of the German Christian Democrats, Angela Merkel reacts during a news conference after the party's weekly executive committee meeting in Berlin, Germany, Monday, May 23, 2011. Chancellor Angela Merkel's conservative party slipped behind the environmentalist Greens to third place in a state election in Bremen on Sunday, its worst result in Bremen in over 50 years. (AP Photo/Michael Sohn)

In questi giorni la Germania è diventata la meta sognata dagli immigrati non solo siriani. La Merkel, dopo aver umiliato e ridotto alla fame i greci, improvvisamente spalanca le porte della sua nazione a migliaia di profughi siriani.

Dietro questo gesto, chi vi scrive, non vi vede bontà ma un disegno criminale che ha come scopo quello di ridurci in un popolo di schiavi. L’invasione dei profughi serve ad azzerare i nostri diritti attraverso la diminuzione dei nostri salari. Chi scappa dalla miseria, da una guerra è più propenso ad accettare un lavoro con una paga da fame.

Se si fanno aumentare soggetti disposti ad accettare proposte lavorative al ribasso, di conseguenza sarà più difficile far rispettare tutele e diritti conquistati anche con il sangue in decenni di lotte.

Una carità pelosa, che ha come scopo non l’accoglienza benevola dei profughi, bensì il loro sfruttamento per metterli contro chi in Europa è nato e cresciuto all’insegna di valori come rispetto del lavoro e della dignità dei lavoratori. Certo che occorre aiutare chi davvero è vittima di guerre, miserie e carestie. Gli aiuti, però, vanno dati nei loro paesi, smettendo di sfruttare le loro risorse.

L’Africa è un continente ricco di materie prime e le sue ricchezze non vanno a vantaggio degli africani. Accettare indiscriminatamente milioni di persone non significa sollevarli dalle condizioni di miseria in cui versano; significa, invece, estendere la miseria agli europei, per arricchire ancor di più i poteri forti europei, anche quelli che già sfruttano a proprio favore le risorse africane. Due sfruttamenti sono meglio di uno: primo in Africa, secondo in Europa.

Il fatto che questa carità viene dal paese che con la vicenda Volkswagen ha evidenziato cosa sono davvero i suoi prodotti, dalla nazione che ha sulla coscienza migliaia di bimbi greci senza cure mediche perché gli ospedali non hanno il becco di un quattrino, dallo stato che ha comprato a costo di saldo gli aeroporti e alberghi ellenici, non fa pensare?

La Merkel e chi per lei e sopra di lei, ci vuole regalare, anche attraverso questo disegno, un futuro di subalternità. Si vuole distruggere quello che di nostro è ancora funzionante; da decenni cercano di annichilire l’industria italiana, la sola in Europa in grado di superare non solo per qualità la produzione crucca.

Ho scritto “chi sopra di lei”: mi riferisco all’esportatore mondiale di guerre. Chi c’era dietro la famiglia Bin Laden? Dietro ai Talebani chi si nascondeva? L’Isis è o non è un mostro creato dalla Cia? E a chi conviene che il sogno tedesco di realizzare per via finanziaria ciò che non è riuscito con la seconda guerra mondiale? L’Europa è oggi amministrata da personaggetti servi degli interessi tedeschi e dell’alta finanza che ha in Bilderberg il circolo di riferimento.

C’è la chiara volontà di disintegrarci come popoli, di distruggere le identità delle nazioni europee, per trasformarci in una massa incapace di reagire alla schiavitù che ci aspetta. C’è chi, però, ha capito, come i paesi dell’Est, la Polonia e l’Ungheria, che tutto ciò risponde allo scopo di destabilizzare il Mediterraneo e aggredire le nostre culture, religioni e civiltà. Prima capiamo questa perversione, prima avremo modo di difenderci.

Non dimentichiamo, infine, che noi alleati con loro abbiamo sempre perso….

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.