5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni rilasciate nel post partita di Genoa-Milan

RODRIGO ELY
“Sicuramente volevamo dare continuità ai nostri risultati. Dispiace perchè abbiamo giocato male il primo tempo, mentre siamo usciti con l’orgoglio nel secondo tempo, creando tante occasioni. Ho provato a girare di testa alla fine quel pallone, ma era un po’ difficile. Dobbiamo migliorare e lavorare, guardando avanti. Ci dispiace tanto non essere riusciti a muovere la classifica.
Il Mister ha sempre molta fiducia in me. Quando avrò l’opportunità devo farmi trovare pronto.
Tutte le gare sono importanti, quelle contro le grandi anche un po’ di più. Dispiace per quello che è successo ad Alessio Romagnoli. Ora dobbiamo cercare di vincere contro il Napoli” .

ANDREA BERTOLACCI
“Il risultato ci va stretto perché il Genoa non ha fatto grandi cose oltre al gol. Purtroppo è andata così, dobbiamo rimproverarci il primo tempo, siamo consapevoli che non possiamo sempre regalare un tempo agli avversari. Abbiamo avuto delle occasioni che non siamo riusciti a sfruttare. Se il Milan riparte dal secondo tempo di oggi è difficile per chiunque affrontarci. Mi mancava un po’ la continuità di giocare, però dispiace per la sconfitta. Dobbiamo ripartire io in primis e tutta la squadra, possiamo farlo. Ho avuto due occasioni peccato, quando la palla non vuole entrare non è facile, dobbiamo farci un esame di coscienza e non dobbiamo più ripetere il primo tempo di oggi e il secondo tempo di Udine.”

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Hanno fatto gol su una punizione, ma noi potevamo e dovevamo fare meglio , abbiamo creato diversi occasioni ma non siamo stati bravi a segnare, peccato perchè con la vittoria potevamo essere in un buon punto in classifica. Non va bene che giochiamo sempre e solo un tempo. L’arbitro fa il suo lavoro alle volte lo fa bene e alle volte un po’ meno bene, ma a me non interessa parlare di queste cose. Nel primo tempo tutti potevamo fare meglio, nel secondo tempo abbiamo fatto meglio ma ci è mancata la cattiveria per fare gol. Non hanno fatto con la cattiveria giusta quello che volevo, dovevamo dimostrare di essere più bravi di loro nell’uno contro uno, dove chi è più cattivo va avanti. Potevamo e dovevamo fare meglio e la prima cosa per fare meglio era essere più cattivi, poi esce anche la tua qualità tecnica migliore. De Jong non l’abbiamo mai provato come difensore centrale e se io non provo durante la settimana non posso improvvisare, un allenatore deve fare le cose logiche. Bonaventura può coprire bene tutti i ruoli poi vedremo nelle partite come lo utilizzeremo. Quando mancavano 10-15 minuti abbiamo inserito la terza punta, ma ciò non significa che con più attaccanti giochi più offensivo. A me non piace buttare la palla in avanti sempre, se c’è la possibilità di giocarla bisogna farlo e in alcune occasioni Diego Lopez l’ha buttata avanti e io preferisco ripartire rasoterra per far ripartire l’azione.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.