5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, queste tutte le dichiarazioni rilasciate nel post partita di Milan-Palermo

during the Serie A match between FC Internazionale Milano and AC Milan at Stadio Giuseppe Meazza on September 13, 2015 in Milan, Italy.

MISTER MIHAJLOVIC: “Abbiamo fatto bene. Abbiamo comandato il gioco, siamo andati in difficoltà 10-15 minuti più per colpa nostra. Dobbiamo migliorare. Non ci dobbiamo accontentare, nemmeno avere paura di vincere. Dobbiamo ammazzare la partita, non lasciare la gara in sospeso. Per quello che abbiamo fatto, abbiamo meritato di vincere. Abbiamo confermato la prestazione del Derby, vincendo. Con questo spirito, proseguendo su questa strada, possiamo levarci delle soddisfazioni.
Abbiamo giocato bene oggi. Non era semplice. Il Palermo è organizzato, con giocatori importanti. Nel primo tempo abbiamo creato occasioni, idem nel secondo. Forse ci siamo allungati un po’ nella ripresa. Forse dovevamo osare un po’ di più sempre nella seconda frazione. Dobbiamo imparare che ci sono momenti da gestire, ma non quando è in difficoltà l’avversario. In quel caso dobbiamo uccidere la partita e fare gol.
Calabria? Ha fatto un ottima gara. Non era facile. E’ intelligente, ha qualità e buoni piedi. E’ un giocatore importante con futuro nel Milan. Lui, Ely e Romagnoli: il futuro è assicurato. Oggi i ragazzi hanno dato tutto. Dobbiamo stare più attenti in difesa. Martedì cerchiamo di ripetere questa prestazione, tenendo in testa ben chiaro che dobbiamo migliorare.
Quando mi è stato riferito della possibilità di Kucka, ho subito detto si. E’ un giocatore di fisico, ma anche di tecnica. Ha subito una botta, ma ha stretto i denti. Mi piace la sua voglia e il suo sacrificio. Dobbiamo prendere giocatori funzionali. Lui lo è. Non guardiamo il suo prezzo. Lui, come Balotelli, sono state operazioni importanti. Non bisogna guardare solo i nomi. Merito di Adriano Galliani. A queste cifre, non c’erano giocatori migliori di Kucka e Balotelli, a gratis”

RICCARDO MONTOLIVO
“Era molto importante vincere, la squadra ha affrontato la partita bene con grande aggressività, peccato che abbiamo messo la vittoria in dubbio con qualche errore, abbiamo preso dei gol ingenuamente ma miglioreremo su questo. Sono riuscito a recuperare molti palloni cerco di abbinare la regia con una certa aggressività difensiva, oggi è andata bene e sono soddisfatto ma dobbiamo ancora crescere. La fascia è una responsabilità, per me è più facile dare indicazioni dal punto di vista tattico perché sono vicino a tutti. Il presidente si è divertito, ha sofferto un po’ troppo come tutti i tifosi, ma abbiamo dato tutto il possibile. Sarà una partita difficile ma dobbiamo dare continuità ai risultati e sarà importante vincere.”

CARLOS BACCA
“Grazie a Dio siamo molto felici della vittoria. Sono contento dei miei gol, ma soprattutto della vittoria della squadra. Sono statistiche storiche. Weah ed Inzaghi sono la storia di questo club. Voglio lasciare la mia impronta qui, facendo del mio meglio per la squadra. Sono felice qui, in una grande squadra, in un top club. Ho scelto il Milan proprio per questo, per la storia che rappresenta nel mondo del calcio. Io lavoro al massimo per essere all’altezza di questa maglia. Voglio ringraziare per il supporto dei tifosi. Mi supportano sempre tantissimo. Io voglio solo restituire con sacrificio e voglia tutto questo affetto.
Come attaccante devo essere mobile e lavorare per la squadra. Io faccio quello che mi chiede il mister, oltrechè fare gol. Al Derby stavo bene, ma ci sono grandi giocatori qui come Luiz Adriano e Balotelli. Ognuno fa del suo meglio per mettere in difficoltà il mister con il lavoro quotidiano. Tutti i gol sono importanti, forse il mio preferito è quello che ho fatto di testa. Siamo una squadra nuova, ma stiamo migliorando. Con una vittoria si correggono meglio gli errori. Sappiamo quali sono i nostri obiettivi, dobbiamo solo lavorare al meglio. La rabona è una mia prerogativa. La faccio spesso, come con la Colombia. E’ una mia virtù. Speriamo di fare un giorno un gol così anche a San Siro”

DAVIDE CALABRIA
“E’ stato l’infortunio veloce di Ignazio, che purtroppo si è fatto male, a permettermi di entrare, mi sono concentrato e ho cercato di dare meglio. Sono contento della mia prestazione e speriamo di continuare così. Quando ho fatto quel cross ho pensato che era la palla più importante della mia vita, ci speravo, l’ho messa in mezzo e abbiamo anche trovato il gol quindi è andata bene. Il mister ci ha parlato a fine partita dicendoci che dobbiamo migliorare nel tenere il risultato quando siamo in vantaggio, miglioreremo anche su questo. Cerco di entrare in campo tranquillo, non voglio mettermi addosso l’ansia che peggiora sempre le cose quindi io entro tranquillo e come va va. La squadra è da qualche anno non ai suoi livelli, noi proveremo a vincere anche le altre partite e puntare in alto in classifica.”

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Abbiamo dominato e siamo andati in difficoltà solo per colpa nostra. Ho l’impressione che quando siamo in vantaggio ci accontentiamo o abbiamo paura di vincere. Dobbiamo osare di più e quando gli avversari sono in difficoltà, dobbiamo chiudere il match. Dobbiamo migliorare, ma oggi abbiamo ripetuto la buona prova con l’Inter. Cerchiamo di ripeterci e migliorarci.
Da un certo punto di vista la giocata di rabona di Bacca mi è piaciuta, ma dovevamo fare gol per evitare rischi. Ha fatto comunque il gol della vittoria, non gli si può dire nulla. Dobbiamo essere più cattivi davanti e in difesa, soprattutto dietro. Vediamo in mezzo al campo. Montolivo in queste due gare ha fatto bene. Non penso che cambierò qualcosa in quella zona. De Jong e Montolivo sono giocatori importanti. Adesso abbiamo due partite in una settimana. Tutti devono farsi trovare pronti. Calabria è un giocatore molto interessante. Anche oggi non era facile, ma ha fatto una partita di personalità, senza errori, facendo cose logiche. Con Calabria, Ely e Romagnoli, il Milan ha la difesa assicurata per i prossimi 10-15 anni.
Siamo grintosi si. Fare gol, subirlo, riflarlo e subirlo, il carattere c’è. Bisognava chiudere la gara prima, gestendo meglio le ripartenze. Non dico che non si devono gestire le partite, ma non quando il rivale è in difficoltà bisogna essere bravi a chiudere le partite.
Nelle ultime due gara abbiamo fatto bene. Prendere un giocatore come Kucka a 3 milioni non è da tutti. E’ un giocatore con caratteristiche uniche. Dobbiamo prendere giocatori funzionali al nostro gioco. Anche Balotelli è arrivato gratis e sta facendo bene e si sta comportanto bene. Diamo merito all’amministratore delegato Adriano Galliani per questi acquisti. Non so se Witsel sarebbe veramente così funzionale al nostro gioco. Dopo Empoli ho parlato di lavoro psicologico e mi pare che stia dando i suoi frutti. Abbiamo tirato fuori il bambino che c’è in loro. Abbiamo ripetuto la buona prova contro l’Inter anche stasera. Adesso niente passi indietro, solo in avanti. Quando si gioca bene, i risultati quasi sempre arrivano. Quasi sempre si vince.
A noi ci mancano dei giocatori. Quasi quattro titolari. Antonelli, Bertolacci, Menez e Niang. Sono giocatori importanti che mi danno molte alternative. Si può giocare con tre punte, ma in certe situazioni ti servono delle alternative per ogni ruolo. Come ad esempio in attacco. Finchè non tornano Menez e Niang, con Cerci possiamo cambiare modulo anche. Dietro siamo questi e abbiamo Ely ed Alex. Ora ci sono due partite in 5 giorni, vediamo chi far giocare. I centrali di stasera e del derby hanno fatto bene. Noi abbiamo lavorato sempre alla stessa maniera, ma per assimilare tutto ci vuole tempo. Non abbiamo cambiato nulla dall’inizio. Sappiamo come fare. Gli allenamenti sono intensi e cerchiamo di raggiungere l’intensità della partita. All’inizio è sempre difficile, ma poi l’intensità si alza. Sono cose importanti queste, ma è fondamentale la testa. Se loro hanno la testa giusta e sono tranquilli, pensano al calcio come un gioco e come un divertimento, pensando positivo, possono fare grandi risultati. Loro fanno il lavoro più bello del mondo, devono metterselo in testa. Quando smetteranno, capiranno di quanto erano fortunati.
Noi i punti in classifica che abbiamo sono quelli che ci meritiamo. Abbiamo fatto il massimo. Meglio perdere una gara in più, rispetto a due pareggi, conquistando una vittoria. Ci sono sconfitte che servono più delle vittorie. In quella sconfitta, nel derby, che scavano e segnano l’animo, la squadra ha capito che giocando come un gruppo, si possono fare grandi risultati. Questa è la strada giusta”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.