11 dicembre 2016

Gilera Cx, la riscoperta di un capolavoro forse incompreso

A distanza di oltre vent’anni dalla sua produzione, gli appassionati di due ruote stanno riscoprendo la Gilera Cx, una moto che all’epoca non fece faville, anzi…

Stranezza delle mode e dei gusti. Correva l’anno 1991 quando la Gilera, allora brand sulla cresta dell’onda, avviava nello stabilimento di Arcore la produzione di una super moto, la Gilera Cx. Fu un brutto flop: si calcola che furono realizzati un migliaio di esemplari in tutto, di cui appena la metà destinato al mercato italiano, con per giunta molti invenduti, tanto che nel 1993 si interruppe ogni sviluppo e creazione. E allora, perché parlarne oggi?

La parola ai “giovani di una volta”. Basta fare una ricerca online per scoprire che, a dispetto di quanto accadde ad inizio anni Novanta, oggi quella moto riscuote molto più successo e c’è addirittura chi arriva a considerarla la “moto più bella del secolo”. In Italia, secondo i dati ufficiali del Pra, ne restano immatricolate poco più di 200, e questo ha scatenato un po’ la corsa all’affare nel mercato dell’usato. Una bella rivincita per un modello che, come detto, fu considerato un vero e proprio flop commerciale dai giornali dell’epoca (molto condizionato, comunque, da un prezzo alto e poco competitivo rispetto ai 125 delle marche concorrenti come Aprilia, Cagiva e Honda).

Sguardo d’insieme. Futuristica e fuori dagli schemi, sono queste le due caratteristiche che saltano subito all’occhio, e che derivano dalla “carta bianca” data dalla società al designer Luciano Marabese, che presenta un prototipo unico già al Salone EICMA di Milano nel 1989. Quando finalmente due anni dopo la moto arriva sul mercato, l’attesa è dunque molto elevata, seppur come detto non completamente soddisfatta dai risultati. Il primo aspetto estetico che risalta è la carenatura che avvolge quasi completamente la moto, lasciando solo intravedere il telaio (di tipo “Twin box”) e sottolineando la nitidezza delle linee (anche se c’era chi lamentava una certa fragilità nei materiali plastici di costruzione); il cupolino è molto allungato verso l’avanti, con prese d’aria accanto alla punta e nella parte inferiore al faro trapezoidale; le frecce di direzione sono integrate sugli specchietti retrovisori e infine il codino posteriore è snello e affusolato, con una luce singola rotonda. Le ruote invece sono di tipo semilenticolare (presenti solo piccoli raggi terminali di circa 5 centimetri), così da ridurre ancor di più il coefficiente di penetrazione aerodinamica (cui il nome della moto si rifaceva direttamente), e riportavano impresso lo stemma della Gilera.

Anticonvenzionale. Il dettaglio che più di ogni altro contraddistingue la Gilera Cx è l’innovativa forcella monobraccio per l’anteriore, sviluppata da Paioli e formata da un piedino a braccio incurvato, mentre un semplice sistema di leve, ispirato alla meccanica dei carrelli anteriori sterzanti degli aerei, evitava la rotazione della ruota rispetto al manubrio. Una soluzione che per la prima volta trovava spazio su una moto 125, e che segnava ulteriormente il tentativo di rompere con i dettami dell’epoca sia dal punto di vista estetico che tecnico.

Odi et amo. In sintesi, dunque, la Gilera Cx 125 era acclamatissima da addetti ai lavori e stampa specializzata, ma ha avuto molte più difficoltà a imporsi sul mercato e, in particolare, a conquistare il suo target principale, ovvero i sedicenni che invece volevano “cavalcare” motori e rombi potenti, senza troppe raffinatezze e stravaganze. Al di là di questo, però, parliamo di una valida 125 sportiva, che combina un sistema di frenata sicura e un impeccabile funzionamento del cambio, oltre che soluzioni estetiche ardite. Purtroppo, la sua stella non ha brillato a lungo, e anzi ha subito un triste declino anche a causa della decisione della Piaggio (proprietaria del marchio Gilera) di chiudere nel 1993 lo stabilimento di Arcore (dopo 84 anni di onorata carriera), decretando dunque la morte anticipata per la produzione della Cx.

Ad oggi tutti gli appassionati della Gilera Cx 125 possono acquistare ricambi e special parts correlate presso i rivenditori “su strada” che ancora offrono ricambi e assistenza, così come approfittare delle ottime offerte reperibili navigando in rete, dove è possibile trovare marketplace specializzati come ad esempio Omniaracing che mette a disposizione una specifica sezione dedicata ai ricambi Gilera cx 125.