5 dicembre 2016

MotoGP, Misano: la pagella del Dicos

MARC MARQUEZ 10: Nella lotteria di Misano è quello che meglio interpreta le carte in pista. Il duo Yamaha sembra essere più in palla, ma l’abilità di un pilota consiste anche nel saper osare e la scelta di entrare per primo ai box per ritornare ad una moto con pneumatici da asciutto lo premia. I successi del 2015 diventano quattro e dopo l’oscura parentesi inglese, il morale torna alto. Bravo!

BRADLEY SMITH 9: La piazza d’onore in questi casi ha un sapore dolce, perchè inattesa. Un pizzico di fortuna, tanta bravura e il pilota di Oxford è il primo pilota Yamaha al traguardo. Ottimo ed abbondante!

SCOTT REDDING 8,5: A Quedgeley è festa grande per il podio raggiunto da un suo cittadino. Ha il merito di non commettere gli errori di chi guida moto più performanti. Good!

LORIS BAZ 8: Anche per il francese vale il discorso fatto per Redding. Chapeau!

VALENTINO ROSSI 4: Ha provato a perdere il mondiale, ma il suo compagno di squadra non era d’accordo. Nella sua tana commette una serie di errori che non sono da lui. La fortuna, però, è dalla sua parte, perché il teammate scivola a poche tornate dal traguardo. Dice di inchinarsi di fronte certi tifosi; quali? Spero non quelli vestiti di giallo che hanno urlato di gioia dopo la caduta di Jorge. Interrompe la striscia di podi che l’ha visto protagonista per sedici volte. La sua uscita sul podio a mio parere va a sconsacrare quello che rappresenta; la scusa dell’ordine pubblico la trovo ridicola. Sul podio, per me, deve andare chi l’ha meritato tra i cordoli, non chi fa vendere più biglietti. Fortunello!

JORGE LORENZO 3: Poteva essere la sua giornata ed è stata, invece, la festa di altri. Dal muro si sbracciano per farlo entrare ai box, ma lui preferisce giocare di rimessa ed attende oltre il dovuto. Certo entra prima di Mister 9 volte, ma subito dopo il cambio moto combina la frittata. 23 punti non sono tanti, ma contro un Rossi così non sono pochi, anzi….Erroraccio!

HONDA: Ha vinto ma la Yamaha è una spanna migliore

YAMAHA: Non ha vinto ma se con una non ufficiale giunge seconda…..

DUCATI: Lontana e con piloti ufficiali non più all’altezza…..

SUZUKI: Più che lontana…..

APRILIA: L’importante è partecipare, no?

LA PREGHIERA DI LORIS: “Vale fermati, dai”……

“Tutti in mono ruota sul traguardo tranne Jorge Lorenzo!”: esempio di come non deve essere fatta una telecronaca sportiva. In Campania ad un giornalista, quando ritira la tessera di pubblicista, gli viene detto che il suo è un ruolo fondamentale nelle società democratiche, perché in grado di influenzare l’opinione pubblica. Gli viene ricordato che deve rispettare sempre la verità e la dignità delle persone. Con questa frase, a mio avviso, non si rispetta né la verità né la persona. E’ questa la linea editoriale di Sky?

In pista vince Marquez ma sugli spalti ha perso lo sport italiano. I somari che hanno urlato dopo la scivolata di un pilota (leggi uomo che rischia la vita) avversario del proprio idolo è una roba indegna. Vergogna!
Per fortuna non tutti gli italiani sono seminatori d’odio come questi personaggetti. Personaggetti che, senza pudore alcuno, hanno anche il coraggio di indignarsi se sui social nascono gruppi che li odiano.
Purtroppo per loro non riusciranno a trasformare il motociclismo in una passione che divide. Da sempre il nostro sport unisce e non separa. Fa nulla che oggi sono la “massa”. Scommetto che tra qualche anno torneranno di nuovo a offendersi lontani dagli spalti. In fondo non sono mai stati parte integrante del motociclismo.
A quei colleghi, infine, che invece di indignarsi per quanto accaduto sugli spalti di Misano, fanno gli sboroni sulla mia bacheca Facebook scrivendo che non mi hanno mai visto in una sala stampa mondiale, rispondo che invece di pensare a me, perché non scrivono nulla in merito a quella tifoseria che gioisce dopo le cadute di Stoner e Lorenzo? Cos’è in sala stampa le urla dei somari non si sono sentite? Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire; soprattutto non c’è peggior giornalista di chi fa finta di non udire. Se questa è la sala stampa di cui vi vantate d’essere i protagonisti, preferisco godermi le corse a casa; evito, così, di fare incontri poco spotivi.

Fonte foto: Piega & Spiega by Max Temporali Facebook

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.