9 dicembre 2016

Ladispoli – M5S: “Sull’ex campo sportivo il Sindaco mette il bavaglio ai cittadini”

Immaginate che in un Comune sia presentato un progetto che trasformi un’area destinata a servizi e verde pubblico nel piano regolatore in un centro commerciale e case private. Come immaginate che reagisca l’amministrazione comunale? Sicuramente qualsiasi amministratore che ha a cuore la sua città ed il benessere dei suoi cittadini eviterà di consumare prezioso suolo destinato ai servizi, rifiutando una colata di cemento che porterebbe solo disagi in termini di vivibilità della città.

Qualsiasi amministratore ma non i nostri governanti locali, Sindaco in testa, che da mesi si stanno prodigando con ogni strumento per far si che l’ennesima colata di cemento si riversi su uno spazio libero, avvantaggiando solo i titolari della società che ha presentato il progetto e riversando sulle spalle dei ladispolani i costi e i disagi che l’opera comporterà. Al contrario l’amministrazione del Sindaco Paliotta, per affrettare i tempi ed impedire ai cittadini di esprimersi, applica una legge sbagliata pur di ottenere il risultato di concretizzare questo programma integrato. Infatti la legge urbanistica (n.1150/1942 e s.m.i.) prevede, con l’art. 9, che gli strumenti urbanistici adottati in variante (e quindi il progetto della Società Piazza Grande) devono essere pubblicati per complessivi 60 giorni al fine di consentire a chiunque di conoscerne i contenuti ed eventualmente attivare procedure di osservazioni e opposizione.

Il Comune di Ladispoli invece applica l’art. 6 della legge n. 167/1962 titolata: “Disposizioni per favorire l’acquisizione di aree per l’edilizia economica e popolare” che con il terzo comma dispone: “entro 20 giorni dalla data di inserzione del Bollettino Ufficiale Regionale gli interessati possono presentare al comune le proprie opposizioni”. Non ci sembra che un centro commerciale rientri in interventi di edilizia residenziale pubblica e tuttavia viene pubblicata sul BUR Lazio per soli 20 giorni, a partire dall’11 agosto 2015. Che dire Signor Sindaco, già la Sua proposta di indire un referendum cittadino dopo l’approvazione del piano ci sembrava una palese presa in giro dei cittadini di Ladispoli, ma ora l’aver applicato una norma sbagliata pur di approvare in tempi brevi il piano ed impedire la presentazione delle osservazioni ai cittadini ci sembra una vera e propria dichiarazione contro la nostra città.

Ci dispiace informarla che Noi le osservazioni le abbiamo presentate, sono solo OTTO pagine, ma sarebbero state molte di più con i tempi “legali” e probabilmente anche altri cittadini ed associazioni sarebbero intervenuti con loro osservazioni. Comunque proseguiremo la nostra battaglia in Regione Lazio ed eventualmente anche in tribunale per fermare questo scempio. Amministrare una città non significa interpretare ed applicare le norme per favorire le speculazioni di pochi personaggi con “agganci” al Comune, ma significa lavorare con onestà e trasparenza per favorire il reale confronto con i cittadini, che adesso ci sembra essere solo a livello di chiacchiere vuote ed inconcludenti.

MOVIMENTO 5 STELLE – MU di LADISPOLI